Animali

Coronavirus, abbattuti quasi 500mila polli da allevamento

Condividi

Oltre 300 mila polli sono stati abbattuti nella sola Inghilterra, più altre 130 mila in Scozia, a causa delle restrizioni che hanno costretto i proprietari ad interrompere la macellazione a uso alimentare.

Almeno 400.000 polli sono stati abbattuti nel Regno Unito poiché le infezioni da Covid-19 hanno interrotto il processo di macellazione per uso alimentare Circa 300.000 uccelli dovrebbero essere abbattuti in Inghilterra e 110.000 in Scozia.

I polli che non possono essere macellati per il cibo vengono solitamente gassati con CO2 e il loro corpo trasformato in grasso e altri sottoprodotti animali.

Secondo il British Poultry Council (BPC), il Regno Unito alleva e macella circa 20 milioni di uccelli alla settimana. Circa il 95% sono polli e la maggior parte viene trattata in pochi, enormi mattatoi, ciascuno con una capacità di circa 2 milioni di volatili a settimana. La perdita di produzione anche in un solo grande mattatoio può avere impatti significativi lungo la catena alimentare e creare problemi di benessere, ha affermato BPC.

Coronavirus, nuove prove legano l’infezione al commercio di animali selvatici

Milioni di animali da allevamento statunitensi sono stati abbattuti all’inizio di questa estate dopo la chiusura degli stabilimenti di carne a causa delle epidemie di coronavirus tra il personale che hanno ridotto la capacità di macellazione del paese per mucche e maiali rispettivamente del 25% e del 40%.

In Inghilterra, circa la metà del personale di Banham Poultry nel Norfolk ha dovuto autoisolarsi dopo che 75 dipendenti sono risultati positivi al coronavirus. L’impianto prevede di “abbattere umanamente 300.000 uccelli utilizzando un sistema a gas“, ha detto il suo direttore, Blaine Van Rensburg, in una dichiarazione.

Alla domanda sul rischio di ulteriori abbattimenti, Rensburg ha dichiarato: “Dato che non sappiamo per quanto tempo durerà questa situazione attuale, non speculeremo su quanti altri dovranno essere abbattuti umanamente”.

Rensburg ha negato precedenti rapporti secondo cui Banham aveva abbattuto circa 7.000 uccelli. “Nessun uccello è stato abbattuto nel nostro sito fino ad oggi“, ha detto. “Stiamo già dirottando un quarto di milione di uccelli verso altri fornitori e continueremo a farlo ove possibile”.

 


Esistono due metodi standard per l’abbattimento di pollame gassoso nel Regno Unito: gassazione di tutto l’edificio e gassazione containerizzata. Il primo consiste nel riempire i capannoni dove vivono i polli con CO2. Il secondo consiste nel mettere gli uccelli in contenitori specializzati che vengono trasportati alla fattoria. I contenitori sono riempiti con CO2 e talvolta con altri gas come l’argon.

Animali, la lotta dei cittadini contro gli allevamenti intensivi: no ai lager dei polli

La gassazione totale dell’edificio è molto rara, i capannoni non sono progettati per questo“, ha affermato Penny Middleton, responsabile delle politiche sul pollame presso la National Farmers Union Scotland.L’opzione containerizzata è più controllabile ed è attuata da ditte specializzate, seguendo le normative sul welfare“, ha detto.

Nessuno degli intervistati ha voluto commentare su quanto tempo ci vuole prima che le galline muoiano, ma tutti hanno sottolineato come il procedimento sia “legale e il più umano possibile”.

 

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago