Animali

Animali, la corsa contro il tempo per salvare l’ultima giraffa bianca

Condividi

Dopo che i cacciatori hanno ucciso la madre e il piccolo, è partita una corsa contro il tempo per salvare l’ultimo esemplare di giraffa bianca conosciuto presente in Kenya.

L’unica giraffa bianca rimasta  al mondo è stata dotata di un dispositivo di localizzazione GPS presso l’Ishaqbini Hirola Community Conservancy a Ijara, nella contea di Garissa, dopo che i cacciatori di frodo hanno ucciso gli altri due esemplari presenti nella riserva.


La giraffa maschio bianca soffre di leucismo – un tratto genetico raro – e fino a marzo 2020 era una delle tre giraffe con la condizione nella Ishaqbini Hirola Community Conservancy. Tuttavia, la femmina bianca e il suo piccolo sono stati uccisi dai bracconieri nel marzo 2020.

Questo è stato ciò che ha spinto l’ente, su richiesta del consiglio di Ishaqbini Community Conservancy al Kenya Wildlife Service (KWS) e con il supporto del Northern Rangelands Trust e di Save Giraffes Now, a dotare l’esemplare di un localizzatore.

Giornata mondiale delle giraffe, specie minacciata dal bracconaggio e della perdita dell’habitat

Un’unità satellitare di posizionamento globale (unità GPS) è stata posizionata su un ossicone (corno) del maschio bianco subadulto. L’unità GPS fornirà aggiornamenti orari della sua posizione consentendo ai ranger di monitorare i suoi movimenti su base giornaliera e, così facendo, mantenere questo animale unico al sicuro dai bracconieri.

 


Siamo grati per l’enorme aiuto di KWS, Save Giraffes Now e Northern Rangelands Trust nel promuovere gli sforzi della comunità per salvaguardare le specie selvatiche. La gamma di pascolo della giraffa è stata benedetta da buone piogge nel recente passato e l’abbondante vegetazione fa ben sperare per il futuro del maschio bianco “, afferma Ahmed Noor, Manager Ishaqbini Hirola Community Conservancy.

Uganda, trappole dei bracconieri trasformate in sculture dalla popolazione locale

Ishaqibini, è stata fondata come tutela della comunità dalle comunità di Hara, Kotile e Korisa, con l’obiettivo di preservare l’ecosistema all’interno di Ijara, nella contea di Garissa, sostenendo al contempo i loro mezzi di sussistenza.

Ishaqibini Conservancy ospita anche una varietà di altre specie, tra cui la giraffa reticolata in via di estinzione – che sta affrontando il declino in tutta l’Africa – il facocero, kudu minore, gerenuk, struzzo e persino un branco unico di zebre di pianura.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago