AttualitàClimaInquinamentoScienza e Tecnologia

Urban Sequoia, i grattacieli del futuro potrebbero assorbire più CO2 di quella emessa

Condividi

Si chiama Urban Sequoia ed è un progetto architettonico rivoluzionario. L’idea alla base è quella di creare grattacieli in grado di assorbire più CO2 di quella emessa.

Si chiama Urban Sequoia ed è un progetto architettonico rivoluzionario, presentato dal collettivo internazionale Skidmore, Owings & Merrill (Som) alla Cop26 di Glasgow. L’idea alla base è quella di creare grattacieli che siano in grado di assorbire più CO2 di quella emessa. Secondo gli architetti autori di un progetto così visionario, l’accento va posto sulle grandi aree urbane, le principali fonti di emissione di diossido di carbonio e responsabili di circa un terzo dei gas serra emessi nell’atmosfera.

 

Con la crescita costante della popolazione mondiale, questa tendenza rischia seriamente di accentuarsi e secondo Som l’unico modo per risolvere il problema è cambiare il modo in cui i grandi edifici, come i grattacieli, vengono realizzati. L’idea riguarda in primis i materiali da usare, in grado di assorbire il carbonio, ma non solo. Nei grattacieli ci sarebbero anche aree riservate alla coltivazione di piante e alghe in grado sia di assorbire la CO2, sia di fornire biocombustibili per alimentare gli edifici. Inoltre, anche lo stesso design dei grattacieli potrebbe essere realizzato per creare una sorta di ‘effetto camino’, rendendo gli edifici più capaci di assorbire la CO2.

Cina, il grattacielo con l’orto al suo interno: il progetto italiano nella città di Shenzhen

Il design immaginato è il seguente: nella parte centrale degli edifici verrebbero installati dispositivi in grado di assorbire 24 ore al giorno la CO2. Un progetto simile prevede una durata dell’edificio di circa 60 anni, durante i quali si stima un assorbimento di carbonio quattro volte superiore a quello emesso. Il carbonio estratto potrebbe poi essere utilizzato come materiale per la realizzazione di arredi urbani. Gli stessi tecnici di Som stimano anche che se tutti i nuovi edifici fossero realizzati con questa tecnologia, le emissioni di gas serra causate dalle grandi aree metropolitana potrebbero essere ridotte di circa 1,6 miliardi di tonnellate all’anno.

(Visited 70 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago