Home Umbria Umbria, al via il progetto pilota per la digitalizzazione dei beni culturali

Umbria, al via il progetto pilota per la digitalizzazione dei beni culturali

Umbria, al via il progetto pilota per la digitalizzazione dei beni culturali

Digitalizzare i beni culturali per creare valore condiviso. Parte il progetto formativo pilota della fondazione scuola dei beni e delle attività culturali

Rilevare i fabbisogni formativi degli operatori del settore impegnati nella digitalizzazione del patrimonio culturale regionale.

È il primo passo del progetto pilota presentato durante il seminario ‘Competenze digitali per il patrimonio culturale’, parte del progetto Dicolab, Cultura al digitale.

Il progetto è realizzato dalla Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali d’intesa con l’Istituto centrale per la digitalizzazione del patrimonio culturale – Digital Library del Ministero della cultura, finanziato da Next generation EU.

La giornata formativa, nata dalla collaborazione con la Regione Umbria e la Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, si è svolta nella sede di Villa Umbra. L’incontro ha delineato la road map di un percorso progettuale di respiro nazionale.

La Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali, soggetto attuatore del progetto Dicolab, Cultura al digitale, curerà in Umbria, grazie al supporto della Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, la formazione e il potenziamento delle competenze digitali di una pluralità di soggetti.

Gli attori coinvolti saranno: dipendenti delle pubbliche amministrazioni, professionisti e operatori, ma anche imprese e studenti che a diverso titolo si interfacciano con il patrimonio culturale.

Il commento di Antonella Pinna, dirigente regionale del Servizio valorizzazione risorse culturali, musei, archivi e biblioteche: “È prevista la creazione di oltre 600mila risorse digitali con una prevalenza di materiali cartacei provenienti da archivi e biblioteche, insieme ad alcuni selezionati nuclei di collezioni museali della nostra regione”.

Alle parole di Antonella Pinna, sono seguite quelle di Alessandra Vittorini, direttore della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali.

“Stiamo lavorando da mesi – ha detto Vittorini –  per la costruzione del percorso di rilevazione dei fabbisogni e rafforzamento delle competenze per l’attuazione del Piano Nazionale di Digitalizzazione (PND)”

“Le proposte formative che stiamo elaborandoha proseguitosaranno rivolte all’ampia ed eterogenea platea degli operatori pubblici e privati del settore culturale. Nell’ambito di questo percorso è essenziale consolidare il dialogo con gli operatori locali impegnati nei cantieri di digitalizzazione del patrimonio culturale. Iniziative come questa sono importanti per ascoltare i bisogni formativi concreti legati all’avanzamento del processo di trasformazione digitale in atto”.

Oltre 1 milione e 600mila euro di fondi PNRR sono destinati all’Umbria per centrare l’obiettivo delineato dal Piano Nazionale di Digitalizzazione e restituire alla comunità i beni culturali al digitale, anche grazie alle azioni formative rivolte agli operatori del settore nell’ambito del progetto Dicolab, Cultura al digitale.