race for the cure roma

A Roma al Circo Massimo torna la manifestazione Race for the Cure. “Nel Lazio siamo a 400mila inviti in età da screening dei tumori al seno, tornati a livelli pre Covid”, Zingaretti.

A Roma torna in presenza, dopo due anni di stop per la pandemia, la Race for the Cure, la più grande manifestazione per la lotta ai tumori al seno organizzata da Susan G. Komen Italia.

Al Circo Massimo una corsa di cinque chilometri (partenza da via Luigi Petroselli altezza via dei Cerchi e arrivo a piazza di Porta Capena) e la passeggiata di due chilometri (partenza da via Luigi Petroselli altezza via dei Cerchi e arrivo a via di San Gregorio). Già inaugurato il Villaggio della Salute, con quattro giorni di screening dedicati alle donne in situazioni di fragilità.

“Felicissimo di dare lo start alla #RaceFortheCure, una splendida gara di solidarietà, cura e sport. Tantissime le romane e i romani che corrono per la #prevenzione e per la #salute delle #donne. #Roma è e sarà al loro fianco, sempre!”, scrive in un tweet il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, presente alla manifestazione insieme al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

“Dalla bellissima #RaceFortheCure ora un messaggio di coerenza. Nel Lazio siamo a 400mila inviti in età da #screening dei tumori al seno, tornati a livelli pre #Covid. Partiti anche i test genomici che dimezzeranno il ricorso alla chemioterapia. Continuiamo, non ci fermiamo!”. Così Nicola Zingaretti in un tweet.

Di nuovo insieme, è meraviglioso. Di nuovo insieme per fare prevenzione e per correre per la vita”. Lo ha detto Maria Grazia Cucinotta presenziando oggi al Circo Massimo di Roma. “Oggi si corre per tutte le donne che stanno lottando, per tutte quelle che hanno appena scoperto questo mostro che comunque puo’ essere vinto se si fa prevenzione. La prevenzione aiuta a” prendere il male “per tempo e a sconfiggerlo per sempre. Noi donne non dobbiamo mai dimenticare che la prevenzione può salvarci la vita e dobbiamo iniziare con i controlli da giovanissime perché purtroppo l’età delle donne colpite dal male si è abbassata e la pandemia non ha aiutato a fare prevenzione. Possiamo recuperare il ritardo e dobbiamo ricordare che la prevenzione salva la vita”.

Con i fondi raccolti, Komen Italia realizzerà attività a sostegno delle donne malate di tumore al seno, premi di studio per giovani ricercatori, supporto e collaborazioni con altre associazioni italiane e giornate di prevenzione gratuite per le donne in condizioni di fragilità sociale. Per donare o per partecipare alla Race è possibile visitare il sito ufficiale. Dopo la grande manifestazione di Roma, la Race for the Cure farà tappa anche a Bari, Napoli, Bologna, Brescia, Matera e Pescara.

In 23 anni abbiamo raccolto oltre 21 milioni di euro e avviato screening gratuiti per 150mila donne” – ha spiegato il professor Riccardo Masetti, presidente di Komen Italia – “La prevenzione è fondamentale ma il Covid, purtroppo, l’ha fermata e per troppo tempo è stata messa da parte. Ripartiamo da qui, rompiamo il silenzio“. Iscrivendosi alla Race for the Cure, sarà possibile ricevere la maglietta e lo zainetto ufficiali. Per raggiungere il Villaggio Race è possibile prendere la metro B e scendere alla fermata Circo Massimo o arrivare con i bus 51, 75, 81, 85, 87, 118, 160, 628, 715 e C3 che fermano tra via della Greca, via del Circo Massimo, piazza di Porta Capena e via dei Cerchi. Questi gli orari d’apertura del Villaggio: fino a sabato 7 maggio compreso dalle ore 10 alle 20, domenica 8 maggio dalle 8 alle 13.
Articolo precedenteMet Gala 2022, tra sostenibilità ambientale, riciclo e liberazione dagli stereotipi
Articolo successivoI Talebani impongono il burqa alle donne afghane. Dovranno indossarlo ovunque in pubblico