Rifiuti, arriva il ‘plogging’: mantenersi in forma mentre si ripulisce la propria città

Rifiuti. Mantenersi in forma mentre si dà un contributo all’ambiente. È la nuova frontiera del running.

L’idea, semplice ma vincente, si chiama “plogging” e nasce dalla fusione dell’espressione svedese plocka upp (raccogliere) con la parola inglese running.

Si tratta di una camminata veloce (jogging) che oltre a fare bene al corpo ed alla mente, fa anche bene all’ambiente perché unisce l’attività sportiva alla cura dell’ambiente urbano.

Ogni “plogger”, è equipaggiato con abbigliamento sportivo, scarpe tecniche, guanti monuso di lattice o da giardinaggio e sacchetti in cui mettere i rifiuti.

Rifiuti, Cina chiude l’accesso all’Everest, la montagna più alta del mondo

Mentre si corre o si cammina per i parchi e le vie della città, i plogger dovranno raccogliere i rifiuti da terra e riporli nei sacchetti con cui sono equipaggiati.

Questi movimenti (piegarsi ed allungarsi per raccogliere i rifiuti da terra) sono proprio come i classici piegamenti ed allungamenti che si fanno in palestra, ideali per tonificare gambe, glutei e quadricipiti.

Un’iniziativa che ha “trasformato” la vita di Papa Dame Diop, un cittadino italiano originario del Senagal che ha così trovato il coraggio di lasciare gli allenamenti di Karate, a causa di un infortunio alla mano, per iniziare a correre e tenere pulita la sua città, Bolzano, da cartacce e rifiuti lasciati per strada.

Diop ha iniziato da solo, ma ora sono in 50, tra operai, runner e giovani richiedenti asilo.

“All’inizio ero solo, poi si è aggiunto qualche amico e anche qualche collega di lavoro – racconta Papa Dame Diop – adesso siamo tanti ed è nata un’associazione. La cosa più bella è che adesso vengono ad aiutarci anche dei ragazzi richiedenti asilo”.

Rifiuti Roma, la malagestione colpisce anche l’Isola Ecologica di Mostacciano

Per lui, come per gli altri membri dell’associazione, raccogliere la spazzatura è un modo di contribuire.

“Ogni volta che raccolgo carta o spazzatura mi dico interiormente che sto facendo una cosa utile – racconta ancora l’operaio Iveco e delegato sindacale Uil – in più correndo faccio bene a me stesso, anzi facciamo bene a noi stessi, perché siamo un gruppo, e anche alla società”.

Da qualche mese inoltre, l’iniziativa è sostenuta da Comune e Seab (Servizi Energia Ambiente Bolzano) che fornisce sacchi, guanti, magliette e punzoni.

(Visited 420 times, 1 visits today)

Leggi anche

Diretta Live
Diventa Green!