AttualitàEconomiaScienza e Tecnologia

Meno plastica, più tecnologia: così cambiano i pagamenti con carta

Condividi

In un mondo sempre più contraddistinto dai pagamenti elettronici, il ruolo delle carte di credito o di debito resta centrale. C’è però un problema ambientale, legato alla plastica: le nuove tecnologie possono risolverlo?

Meno plastica e più tecnologia per aiutare l’ambiente. Se il pagamento elettronico sta prendendo sempre più piede in tutto il mondo, da tempo esiste un problema di sostenibilità. Finora, infatti, le carte di credito o di debito sono state prodotte utilizzando la plastica e le stime sono inquietanti. Ogni anno, infatti, per fabbricare le carte vengono utilizzate circa 27.525 tonnellate di plastica, pari al peso di 150 diversi aerei Boeing 747. Serve un’inversione di rotta e le tecnologie più recenti possono essere d’aiuto.

Inquinamento, trovate tracce di plastica nei muscoli di 44 tartarughe marine morte in tre anni

Per questo, come spiega l’AdnKronos, le tecnologie si stanno evolvendo e offrono sempre più una mano all’ambiente. Le carte stanno iniziando ad essere prodotte utilizzando materiali più sostenibili e potrebbero essere presto soppiantate dalle tecnologie come i chip contactless o con identificazione a radiofrequenza (RFID). Questi chip, di dimensioni ridottissime, possono essere impiantati in oggetti indossabili come i già diffusi smartwatch ma anche in anelli o braccialetti.

Inquinamento, da dove arrivano le 4000 rotelle di plastica ritrovate a Formia e Gaeta?

L’evoluzione delle carte e dei pagamenti in generale è in atto da tempo. In principio fu il contactless, ma negli ultimi tempi le carte si smaterializzano all’interno dei portafogli digitali grazie anche a sistemi di pagamento come Apple Pay e Amazon Pay, solo per citare i più noti. Per le transazioni digitali, inoltre, iniziano a prendere piede i pagamenti attraverso portafogli mobili, criptovalute, bot e assistenti di intelligenza artificiale come Siri, Google Now e Amazon Echo. Telegram ha appena avviato il programma Shop Bot (con pagamenti gestiti da Stripe ma presto disponibili anche con RazorPay, FlutterWave e PaymentWall) per le transazioni elettroniche e anche Facebook sta lavorando in tal senso.

(Visited 23 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago