Riciclo e RiusoRifiuti

Plastica, Adidas realizza un campo da football con bottiglie riciclate

Condividi

Adidas ha costruito un campo da football utilizzando bottiglie di plastica raccolte su isole e spiagge. Il campo è stato donato al Miami Edison High School.

Adidas ha raccolto circa 1.8 milioni di bottiglie di plastica e le ha trasformate in un campo di football sostenibile. James Carney, vicepresidente della global brand strategy di Adidas, ha spiegato che il campo è stato costruito utilizzando bottiglie di plastica raccolte su isole, spiagge e città costiere con lo scopo di prevenire l’inquinamento dell’oceano.

 

Plastica, anche Adidas si unisce alla sfida per ridurne il consumo

La plastica è stata lavata e trattata prima di essere trasformata nel materiale utilizzato per costruire il campo artificiale. Il materiale, simile al pellet, è fondamentale per la funzionalità del campo perché influenza la giocabilità, la performance e le condizioni di sicurezza del campo ed è responsabile per la trazione degli atleti, oltre a servire come cuscinetto per i giocatori quando scivolano o cadono.

Lego compie 60 anni! La sostenibilità come nuova sfida: bioplastiche ecologiche per i mattoncini

Crediamo che attraverso lo sport abbiamo il potere di cambiare le vite e questo campo è la dimostrazione delle nostre azioni” ha spiegato Cameron Collins, direttore del settore football di Adidas “più che un campo dove i giovani atleti possono giocare, serve a ricordarci della responsabilità che abbiamo di porre fine allo spreco della plastica”.

Marketing, da Greta ai nuovi social: come i grandi marchi stanno cambiando identità

La compagnia ha donato il campo di plastica riciclata al Miami Edison High School, non lontano dall’Hard Rock Stadium dei Miami Gardens, sede del Super Bowl LIV. Il Miami Edison High School si trova vicino al quartiere Liberty City di Miami, da cui provengono alcune delle grandi star del football americano come T.Y. Hilton, Chad Johnson, Antonio Brown, Amari Cooper e Devonta Freeman.

(Visited 61 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago