Consumo CriticoTerritorio

Plastica, anche Adidas si unisce alla sfida per ridurne il consumo

Condividi

Anche l’Adidas entra a far parte di quelle aziende che vogliono ridurre l’impatto della plastica a livello globale. La compagnia tedesca ha dichiarato che entro il 2024 ogni suo prodotto conterrà solo plastica riciclata.

La sfida per eliminare la “plastica vergine” include anche il poliestere, come è stato riportato dal Financial Times. Questo materiale è usato in quasi tutti i prodotti sportivi, dalle magliette alle scarpe, perché si asciuga facilmente e pesa pochissimo.

Plastic free, ecco il primo aeroporto con le tazze da caffè riciclabili

L’Adidas ha anche dichiarato che smetterà di usare plastica vergine anche nei suoi uffici, outlet, magazzini e centri di distribuzione, una mossa che si prevede ridurrà di 40 tonnellate l’anno la produzione di materiali plastici.

Plastica monouso, il Vaticano diventa plastic free. E’ il primo Stato al mondo

Intanto è già in vendita la linea invernale che secondo i dati dell’azienda, contiene il 49% di poliestere riciclato. L’anno scorso la compagnia tedesca ha venduto più di un milione di paia del suo modello Parley, fatto interamente di rifiuti plastici rinvenuti nell’oceano.

Adidas si unisce a altri grandi marchi che si sono impegnati per ridurre l’uso di plastica, come Starbucks e McDonald’s che elimineranno le cannucce di plastica dai loro fast food, mentre Ikea ha dichiarato che eliminerà tutta la plastica a uso singolo dai suoi negozi e ristoranti.

Plastica, basta giochi nell’happy meal. Due bambine contro McDonald’s e Burger King

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago