AttualitàInquinamento

Oli usati, spot Conou per raccontare l’eccellenza italiana dell’economia circolare

Condividi

Oli usati. Nella bellezza di un borgo italiano con i suoi volti autentici, “un’Eccellenza” viene riconosciuta e salutata ad ogni passo, con rispetto, da tutti, svelando solo nel finale la sua identità. Questo è il cuore del nuovo spot tv realizzato dal CONOU, il Consorzio Nazionale per Gestione, Raccolta e Trattamento degli Oli Minerali Usati, in onda dal 17 ottobre sulle principali emittenti nazionali.

Una campagna per celebrare “un’Eccellenza”, appunto, come quella che vede il nostro Paese al primo posto in Europa nella raccolta e rigenerazione dell’olio lubrificante usato.

Un’Eccellenza che significa un processo di Economia Circolare efficace e completamente compiuto, dove tutto l’olio usato viene recuperato e reinviato a una nuova vita.

Un’eccellenza che è frutto del lavoro di squadra della Filiera, costituita da circa 70 aziende impegnate a coprire tutto il territorio nazionale per evitare che un rifiuto pericoloso possa causare un danno all’ambiente e per garantire che la totalità dell’olio usato possa generare nuovo lubrificante di qualità analoga al prodotto di origine.

Natura 2000 +20: le best practice del mare. A 12 anni dal D.M. 184/2007: diretta streaming phygital mercoledì 21 ottobre

Un’Eccellenza che costituisce oggi un patrimonio condiviso di tutto il Paese, frutto di un’esperienza normativa, organizzativa, gestionale e industriale dal 1984 costantemente votata alla salvaguardia dell’ambiente nell’innovazione continua e vissuta ogni giorno a stretto contatto con le comunità locali e il tessuto produttivo in ogni Regione d’Italia.

Il CONOU è stata ed è una realtà capace di fornire al Paese un contributo su molteplici profili: da quello ambientale, sia scongiurando gli effetti devastanti della dispersione di un rifiuto pericoloso che contribuendo ogni anno a ridurre la produzione di CO2 (circa 70-80.000 tonnellate ogni anno), a quello sociale ed economico avendo consentito, nel corso della sua attività, un risparmio netto sulle importazioni di petrolio di oltre 3 miliardi di euro.

Senza dimenticare il lavoro istituzionale continuo svolto dal Consorzio nella comunicazione e informazione ambientale di imprese, comunità e cittadini, con particolare riguardo per le giovani generazioni.

La Grande Barriera Corallina è in pericolo: ha perso la metà dei suoi coralli negli ultimi 30 anni

“Con questo spot abbiamo voluto riaffermare il valore della missione assegnata al CONOU, che è quella di salvaguardare insieme l’integrità dell’ambiente, la salute e la bellezza dei paesaggi e dei luoghi che concorrono a fare dell’Italia un posto unico al mondo” – ha affermato Paolo Tomasi, Presidente del CONOU.

“La nostra attività, riconosciuta e apprezzata da più osservatori anche internazionali, ci vede da sempre legati a doppio filo alle comunità e alla dimensione concreta della vita del Paese, operando puntualmente con le imprese, grandi e piccole, che costituiscono il motore produttivo d’Italia. Questa campagna vuole essere un tributo all’Italia che ogni giorno, con competenza e passione, sa essere un esempio guardato con ammirazione in tutto il mondo”.

La campagna, ideata e coordinata dall’agenzia eprcomunicazione, sarà on air dal 17 al 31 ottobre e sarà declinata attraverso due video della durata di 30 e 15 secondi l’uno, trasmessi sui canali Mediaset, Sky e Tv8 in concomitanza delle gare del campionato di calcio di Serie A, delle partite di Champions League e delle competizioni di Moto GP.

 

(Visited 12 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago