AttualitàInquinamento

La Grande Barriera Corallina è in pericolo: ha perso la metà dei suoi coralli negli ultimi 30 anni

Condividi

La Grande Barriera Corallina ha perso la metà dei suoi coralli negli ultimi 30 anni a causa dell’aumento delle temperature dovute ai cambiamenti climatici. Lo studio. 

Persi più della metà dei coralli dal 1995 a causa dei mari più caldi causati dai cambiamenti climatici. E’ la scoperta di un gruppo di scienziati che lanciano l’allarme per la Grande Barriera Corallina. Le cadute più ripide sono avvenute dopo gli eventi di sbiancamento di massa nel 2016 e nel 2017 e nel corso di quest’anno se ne sono verificati altri.

Non c’è tempo da perdere, dobbiamo ridurre drasticamente le emissioni di gas serra al più presto“, hanno detto i ricercatori.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B, è stato condotto da scienziati marini presso l’ARC Center of Excellence for Coral Reef Studies nel Queensland. Gli scienziati hanno valutato la salute e le dimensioni delle colonie di corallo attraverso la barriera corallina dal 1995 al 2017. Hanno scoperto che le popolazioni erano diminuite di oltre il 50% in tutte le dimensioni e specie di coralli, ma soprattutto in quelli ramificati e a forma di tavola. Queste sono le grandi specie strutturali che di solito forniscono habitat per pesci e altre forme di vita marina.

Il professor Terry Hughes, un coautore dello studio, ha detto che questi tipi di corallo sono stati “i più colpiti” dallo sbiancamento di massa consecutivo che ha danneggiato due terzi della barriera corallina. Lo sbiancamento si verifica quando i coralli sotto stress scacciano le alghe – note come zooxantelle – che danno loro colore.

Il fenomeno dello sbiancamento dei coralli

Australia, la Grande barriera corallina colpita dal più grande evento di sbiancamento

I coralli possono riprendersi se le condizioni normali ritornano, ma possono volerci decenni. Uno studio del 2019 ha scoperto che le colonie di coralli danneggiate avevano lottato per rigenerarsi perché la maggior parte dei coralli adulti era morta. “Una popolazione di coralli ha milioni di piccoli coralli piccoli, così come molti grandi. – ha detto l’autore principale, il dott. Andy Dietzel
I nostri risultati mostrano che la capacità di recupero della Grande Barriera Corallina – la sua resilienza – è compromessa rispetto al passato“.

Qual è il futuro della barriera corallina? L’anno scorso l’agenzia ufficiale del governo australiano sulla barriera corallina ha confermato che il riscaldamento provocato dall’uomo è rimasta la più grande minaccia alla sopravvivenza a lungo termine della barriera corallina. Estendendosi per oltre 2.300 km (1.400 miglia), la barriera corallina è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 1981 per la sua “enorme importanza scientifica e intrinseca“.

Ma nell’ultimo decennio in particolare, è stato ampiamente danneggiata dai mari più caldi che hanno ucciso i coralli, disperso altra vita marina e accelerato la crescita di alghe e altri contaminanti.
Pensavamo che la Grande Barriera Corallina fosse protetta dalle sue dimensioni, ma i nostri risultati mostrano che anche il sistema di barriera corallina più grande è sempre più compromesso e in declino“, ha affermato il prof. Hughes.

Australia, la Grande Barriera Corallina è in pericolo: nuovi segnali di sbiancamento

A marzo, gli scienziati hanno riferito che la barriera corallina aveva subito il suo terzo evento di sbiancamento di massa in cinque anni. La scala completa del danno era ancora in fase di valutazione. Le temperature globali sono già aumentate di circa 1 ° C dai tempi preindustriali. Le Nazioni Unite hanno avvertito che se tale aumento raggiungerà 1,5 ° C, il 90% dei coralli del mondo sarà spazzato via.

(Visited 27 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago