AttualitàEconomiaInquinamentoPolitica

Nucleare, la denuncia di Greenpeace: “Rifiuti radioattivi dalla Francia seppelliti in Siberia”

Condividi

Nucleare, la denuncia di Greenpeace: “Rifiuti radioattivi dalla Francia seppelliti in Siberia”. Non si tratta di un fatto inedito, ma dieci anni fa la ong era riuscita a bloccare il traffico illegale.

Nucleare, la denuncia di Greenpeace: “I rifiuti radioattivi della Francia vengono trasportati in Russia e seppelliti in Siberia“. Non si tratta di un fatto inedito, ma dieci anni fa la ong era riuscita a bloccare questo traffico illegale e dannoso per l’ambiente. La cattiva abitudine, tuttavia, sembra essere tornata in auge. La sezione francese di Greenpeace ha infatti smascherato l’operato dell’azienda del nucleare Orano, che nel 2017 è succeduta al colosso Areva (fallito in gran parte per le perdite associate alla costruzione di un reattore EPR in Finlandia e tuttora non ultimato).

 

Dieci anni fa, gli attivisti di Greenpeace erano riusciti a bloccare tutte le esportazioni di uranio impoverito francese in Russia: in quell’occasione, Areva e EDF (l’azienda statale dell’elettricità) riconobbero che lo stop era dettato da ragioni economiche e ambientali. L’industria nucleare transalpina sostiene il mito di un ‘ciclo del combustibile’ secondo cui l’uranio che alimenta le centrali nucleari sarebbe riciclabile e riciclato. Una strategia costosa e inefficace, dal momento che la quantità di scorie radioattive francesi continua ad aumentare. Per questo motivo, l’uranio depleto che risulta dal processo di ritrattamento del combustibile irraggiato viene trasportato e smaltito in Siberia.

Roma, l’allarme di Greenpeace sulla mobilità: “Insostenibile, mezzi inadeguati per 1,7 milioni di cittadini”

Intanto, però, alcuni Paesi europei, guidati proprio dalla Francia, stanno facendo pressioni politiche affinché il nucleare venga annoverato tra i settori della green economy. Greenpeace, che continua a sostenere con grande forza che il nucleare non può rientrare tra le attività sostenibili, promette battaglia: “La questione dello smaltimento delle scorie radioattive prodotte dalle centrali atomiche resta irrisolta. Ci batteremo affinché l’Europa non cada in questo tranello“.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago