AttualitàRoma

Roma, l’allarme di Greenpeace sulla mobilità: “Insostenibile, mezzi inadeguati per 1,7 milioni di cittadini”

Condividi

La mobilità di Roma è semplicemente insostenibile e iniqua. Un’affermazione che non stupisce, ma che ora è rafforzata dai dati di un rapporto di Greenpeace.

La mobilità a Roma? Semplicemente insostenibile. Tutti i cittadini della Capitale lo sanno bene, ma quest’affermazione è ora rafforzata dai dati di uno studio pubblicato oggi da Greenpeace Italia, ‘L’insostenibile mobilità di Roma‘. La ricerca ha analizzato le 155 zone urbanistiche della città, evidenziando le criticità del sistema di mobilità e proponendo, in vista del ballottaggio, dieci punti su cui è prioritario intervenire. Lo studio di Greenpeace ha analizzato 18 variabili riconducibili a quattro indicatori: trasporto pubblico locale, mobilità dolce, mobilità condivisa, infrastrutture e contesto. A ogni variabile è assegnato un punteggio, e i punteggi combinati consentono di tracciare delle vere e proprie mappe della mobilità romana.

Roma, l’aria è più inquinata rispetto ad un anno fa: la causa è nei freni delle automobili

Il risultato principale che emerge è la forte disomogeneità tra le zone di Roma, dove chi vive nei quartieri più centrali gode di servizi di mobilità notevolmente più sostenibili rispetto a chi vive nei quartieri popolosi della periferia, abbandonati dal trasporto pubblico e senza alternative di mobilità condivisa. Lo studio rivela anche la presenza di chilometri di piste ciclabili pericolose e frammentate. Queste carenze infrastrutturali non fanno che favorire una mobilità prevalentemente privata. In vetta alla classifica generale c’è l’Esquilino, che risulta la zona con la migliore mobilità in città, sebbene sia ben lontana dall’essere un quartiere ideale.

Greenpeace lancia la petizione: vietare le pubblicità delle aziende responsabili della crisi climatica

Dall’analisi non emerge infatti nessuna zona con una mobilità che si possa definire sostenibile, ma si possono trarre indicazioni utili sulle criticità delle diverse zone cittadine. Un esempio significativo è quello di Torre Angela, nel Municipio V, la più popolosa tra le zone urbanistiche romane, con oltre 87.000 abitanti tagliati completamente fuori da qualsiasi forma di sharing e di mobilità dolce. “Le criticità della mobilità romana non sono una novità, ma ora abbiamo gli elementi per capire cosa è necessario fare: le misure più urgenti per migliorare i servizi esistenti devono essere accompagnate da interventi per renderli accessibili a tutta la cittadinanza, soprattutto a chi vive in periferia” – dichiara Federico Spadini, campagna trasporti di Greenpeace Italia – “Al futuro sindaco di Roma chiediamo di mettere al centro del suo mandato le politiche, gli interventi e gli investimenti che regolano la mobilità capitolina, al momento completamente insostenibile, tanto per l’ambiente quanto per la vita delle persone. Le soluzioni ci sono, si tratta di operare scelte politiche coraggiose in un quadro di ripensamento generale degli spazi della città“.

India, sostituire il suono del clacson con della musica per ridurre l’inquinamento acustico

Con 911 veicoli ogni 1000 abitanti, Roma è la città più congestionata d’Italia e quella dove si sprecano più ore nel traffico: 166 ore nel 2019 e, nonostante la pandemia, 66 nel 2020, secondo la classifica di Inrix delle città con più traffico al mondo. Tutto ciò determina non solo un impatto ambientale (legato alle emissioni di CO2 che alterano il clima), ma anche un costo sociale e sanitario dovuto sia all’insalubrità dell’aria, sia allo spazio urbano eccessivamente occupato da strade, parcheggi e veicoli, a scapito di aree verdi e spazi per le persone. Per migliorare la mobilità romana e renderla più sostenibile per i cittadini, Greenpeace chiede al futuro sindaco una serie di interventi da attuare subito: potenziare i servizi di trasporto pubblico, con veicoli nuovi ed elettrici, ampliare e mettere in sicurezza la rete ciclabile cittadina, promuovere servizi di sharing pubblici accessibili in tutte le zone della città e intervenire per ridurre il numero dei veicoli privati in circolazione, cominciando dalla conferma del bando di tutti i veicoli diesel nel centro città entro il 2024.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago