Ex Ilva, a Roma il presidio dei lavoratori davanti al Ministero delle Imprese

“Noi chiediamo che Arcelor vada via da Taranto perché non è il soggetto che può tirar fuori la città dai suoi problemi”, Francesco Rizzo, USB Taranto.

Al governo “interessa che il piano industriale sia realizzato” e “ci vorrà tempo e forse anche oltre la legislatura“. A dirlo ministro delle Imprese, Adolfo Urso, avviando il vertice su Acciaierie d’Italia, ex Ilva.

Intorno alle ore 14 sono arrivati oggi nella capitale da Taranto circa 750 lavoratori dell’Ex Ilva per un presidio all’esterno del ministero delle Imprese.

Al presidio hanno aderito Fiom, Fim, Uilm e Usb, che saranno al tavolo. Per i sindacati il governo deve assolutamente fare di più per preservare la salute e il lavoro.

“Oggi la massa di lavoratori che è qui ma anche tutta la comunità chiede un cambio di passo al governo. – dichiara a TeleAmbiente Francesco Rizzo, Coordinatore USB TarantoNoi chiediamo che Arcelor vada via da Taranto perché non è il soggetto che può tirar fuori la città dai suoi problemi. Il governo deve essere consequenziale a quello che ha dichiarato lo stesso ministro Urso meno di 40 giorni fa. Lui stesso disse: ‘I soldi ce li mettiamo nel momento in cui la governance viene riequilibrata e il governo diventa il soggetto che gestisce la fabbrica e quindi detta i tempi della riconversione e rilancia della stessa’. Stiamo chiedendo esattamente quello che loro hanno annunciato”. E conclude: “Il governo eletto dal popolo deve fare per una volta quello che il popolo chiede: un cambio di passo”. 

Articolo precedenteGreenwashing, la task force dell’Ispra contro il fenomeno
Articolo successivoRegionali Lazio, ancora scontro sul termovalorizzatore