Scienza e Tecnologia

Elon Musk lancia la sfida: 100mln di dollari a chi trova un sistema per intrappolare il carbonio

Condividi

Con la promessa di 100 milioni di dollari come ricompensa, Elon Musk, il patron di Tesla e SpaceX, lancia una campagna per trovare la migliore tecnologia in grado di recuperare le emissioni di carbonio e arrestare così i cambiamenti climatici.

Dopo gli ammirevoli risultati ottenuti con Tesla e SpaceX, Elon Musk è diventato l’uomo più ricco al mondo e oggi ha lanciato una sfida su Twitter con la sorprendente ricompensa di 100 milioni di dollari per chi riuscirà a una nuova tecnologia che sia capace di eliminare il carbonio.

La proposta arriva proprio in concomitanza dell’arrivo di Joe Biden alla residenza presidenziale che ha mostrato da subito una sensibilità alla causa dei cambiamenti climatici e dopo aver avviato la procedura del rientro degli Usa negli accordi di Parigi sul clima.

Proprio il nuovo presidente ha dato il suo appoggio alla ricerca ed allo sviluppo di tecnologie per contrastare il nemico climatico numero uno: il carbonio.

Clima, le foreste più giovani non sono in grado di assorbire carbonio come quelle antiche

Esistono già diversi tipi di impianti per la catture dell’inquinante, come quelli detti di CCS (carbon capture and storage) che intrappolano l’anidride carbonica e la immagazzinano, ma sono noti anche per il livello di pericolosità legato a possibili movimenti sismici che potrebbero recare danni considerevoli agli impianti.

Un esempio è l’evento che si verificò in Camerun a metà degli anni 80 in cui persero la vita 1700 persone in seguito alla dispersione di anidride carbonica rilasciata improvvisamente da un impianto di stoccaggio.

Nuova Zelanda, approvata una legge per ridurre a zero le emissioni di carbonio

In seguito si è scelto di costruire impianti che riutilizzavano la CO2 anziché immagazzinarla e rischiare nuovi disastri, le strutture di CCU (carbon capture and utilization) che trasformano i gas raccolti in etanolo, come fa la LanzaTech. Oppure l’azienda svizzera Climeworks che rivende il carbonio catturato ad aziende produttrici di fertilizzanti o di bevande gassate per le bollicine.

Di Francesco De Simoni

(Visited 63 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago