AttualitàPolitica

Coronavirus, task force per uscire dalla crisi: Giovannini e Maggino per il benessere ecosostenibile

Condividi

Ad una task force di alto livello sarà affidata la ripartenza dell’Italia dalla crisi del coronavirus. Ad annunciarlo il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte. Nel gruppo di esperti i professori Enrico Giovannini e Filomena Maggino per il benessere ecosostenibile.

 

Il lavoro per la fase 2 è già partito. Non possiamo aspettare che il virus scompaia del tutto dal nostro territorio, superata la fase acuta stiamo lavorando a un programma che poggia su due pilastri: una task force di esperti e un protocollo sicurezza sul lavoro“. Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa spiegando di aver firmato il decreto per la task force della Fase 2. Il pool sarà formato da “varie professionalità e dialogherà con il comitato tecnico scientifico. Dobbiamo inventarci nuovi modelli organizzativi nel lavoro, modelli più innovativi che tengano conto della qualità della vita“. Un gruppo 16 membri, giuristi, economisti ed esperti, con molte donne, incaricato di studiare le ricette per uscire dalla crisi, presieduto da Vittorio Colao. Tra le altre personalità che risiedono in Italia e all’estero come il professor Enrico Giovannini e la professoressa Filomena Maggino che cureranno il benessere eco sostenibile.

Coronavirus, impatto positivo sull’ambiente ma dopo si tornerà alla normalità

Vittorio Colao è il manager bresciano, classe 1961 per dieci anni ceo del colosso delle tlc Vodafone ed a avuto un ruolo chiave nella crescita di Vodafone. A maggio del 2014 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lo ha nominato Cavaliere del Lavoro. E’ stato anche amministratore delegato del gruppo Rcs.

Vittorio Colao

Nella task force c’e’ anche l’economista Enrico Giovannini, romano, classe 1957, ministro del Lavoro nel Governo guidato da Enrico Letta. E’ suo il progetto del Reddito di Inclusione, che di fatto ha anticipato il Reddito di Cittadinanza. Profilo da accademico, docente a Tor Vergata ed alla Luiss, è stato Chief Statistician dell’Ocse e presidente dell’Istat. Oggi portavoce e tra i fondatori, dell’Asvis, l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile.


Tra i nomi annunciati dal premier Giuseppe Conte anche quello di Raffaella Sadun, professor of business administration alla Harvard Business School, e dell’economista Mariana Mazzucato, cresciuta negli Stati Uniti e con la doppia cittadinanza, anche americana. Docente di Economia dell’Innovazione e del valore pubblico all’University College London (Ucl) è nata a Roma nel 1968 ed è autrice di pubblicazioni e libri tradotti in diverse lingue fra cui ‘Lo Stato innovatore’ e ‘Ripensare il Capitalismo’ dove rivendica il ruolo guida del pubblico nell’innovazione e nella crescita sostenibile.

Raffaella Sadun

 

Marianna Mazzucato

Nell’elenco di coloro che dovranno far ripartire l’Italia c’ e’ anche Filomena Maggino che guida la cabina di Regia “Benessere Italia” della Presidenza del Consiglio, Consigliera del presidente del Consiglio per il benessere equo e sostenibile e la statistica e professoressa di Statistica sociale all’Università’ di Roma ”La Sapienza”. Lavora  alla messa a punto una strategia per governare la complessità di quello che definisce “il diritto ad una vita migliore possibile”. 

 

(Visited 221 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago