Home Attualità Clima Nord Stream, le perdite di gas naturale potrebbero rappresentare una catastrofe climatica

Nord Stream, le perdite di gas naturale potrebbero rappresentare una catastrofe climatica

clima nord stream conseguenze catastrofiche (1)

Secondo Greenpeace Italia, il danno potrebbe essere equivalente a quello causato da 20 milioni di automobili

Le perdite di gas metano dal Nord Stream 1 e 2 potrebbero avere conseguenze sul clima addirittura peggiori di quelle che stanno avendo a livello energetico. Sebbene sia ancora presto per avere un quadro definitivo (questa mattina è stata individuata una quarta perdita), gli scienziati sono concordi sul fatto che la fuoriuscita di gas dalle condutture rappresenti una potenziale catastrofe climatica.

Prima di tutto bisogna capire quanto gas uscirà e per quanto tempo. Le stime approssimative degli scienziati, basate sul volume di gas riportato in uno dei gasdotti, variano tra 100.000 e 350.000 tonnellate di metano.

Quello del Nord Stream è potenzialmente una delle più grandi perdite di gas della storia del mondo. Secondo Greenpeace, “il potenziale impatto climatico della fuoriuscita di metano da #Nordstream 1+2 potrebbe essere di 30 milioni di t di CO2eq (equivalenti a quella quantità di CO2, n.d.r.) in un periodo di 20 anni (GWP20). Pari alle emissioni annuali di 20 milioni di automobili nell’UE”.

I rischi climatici della fuga di gas del Nord Stream

Secondo gli esperti, i rischi climatici derivanti dalla fuga di metano sono piuttosto grandi. Il metano è un potente gas serra, 30 volte più forte della CO2 in 100 anni e più di 80 volte più forte in 20 anni.

 “Questa è una quantità colossale di gas, in bolle davvero grandiha detto al Guardian il professor Grant Allen, esperto di scienze della Terra e dell’ambiente presso l’Università di Manchester -. Se hai piccole fonti di gas, la natura ti aiuterà digerendo il gas. Nella fuoriuscita di Deepwater Horizon, c’è stata molta attenuazione del metano da parte dei batteri”

“La mia esperienza scientifica mi sta dicendo che, con una grande esplosione come questa, il metano non avrà il tempo di essere attenuato dalla natura. Quindi una parte significativa sarà scaricata come gas metano. A differenza di una fuoriuscita di petrolio, il gas non avrà un effetto inquinante sull’ambiente marino. Ma in termini di gas serra, è un’emissione sconsiderata e non necessaria nell’atmosfera”, ha affermato il professore

 

Articolo precedenteGiovanni Maria Flick: “Allevamenti intensivi peggio dei campi di concentramento”
Articolo successivoAborto, Laura Boldrini contestata al corteo di Non una di meno: “Via da questa piazza!”