Centro Cani Guida dei Lions: “Ecco perché questi cuccioli sono speciali”

A partire dal 1959, il “Centro Cani Guida dei Lions” di Limbiate, in Lombardia, dona alle persone non vedenti un angelo a quattro zampe. Giovanni Fossati (Presidente del Centro): “Ecco perché questi cuccioli sono speciali”.

Quando nasce un cucciolo al “Centro Cani Guida dei Lions” di Limbiate, in provincia di Monza e della Brianza, in Lombardia, si è felici due volte. Oltre a regalare un sorriso allo staff, l’arrivo di un nuovo Labrador o di un nuovo Golden Retriever aumenta la speranza per le persone non vedenti ancora in attesa di ricevere gratuitamente il loro angelo a quattro zampe. Già, perché a partire dal 1959 questa struttura addestra i cani per migliorare la quotidianità di uomini e di donne con danni irreversibili alla vista.

Oltre a “regalare” due occhi alle persone non vedenti, il cane rappresenta la loro vita. Il cucciolo diventa poi un compagno fedele e insostituibile. Se uomini e donne con problemi alla vista non avessero il quattro zampe, dovrebbero dipendere da qualcuno. Il cane dà loro, invece, l’indipendenza per evitare eventuali ostacoli o intoppi, soprattutto in città“, ha dichiarato a Teleambiente Giovanni Fossati, Presidente del “Centro Cani Guida dei Lions”.

Proprio qualche settimana fa la nursery della struttura ha dato il benvenuto a una nuova cucciolata di Labrador. Una volta svezzati e dati in affido alle famiglie “Puppy Walker”, gli angeli a quattro zampe regaleranno una nuova opportunità di vita alle persone con difficoltà visive.

Ma cosa rappresentano questi cuccioli? Come si addestra un cane-guida? Perché i Labrador e i Golden Retriever sono le razze più adatte per accompagnare le persone con difficoltà visive? Tutte le risposte nello “Speciale Teleambiente” dedicato al “Centro Cani Guida dei Lions”.

Articolo precedenteRifiuti, via l’auto a chi li abbandona e non paga la multa
Articolo successivoRoma, a piazza San Pietro il presepe della sostenibilità e della solidarietà