ClimaEventi

Cambiamenti Climatici, Costa lancia calendario eventi 2021 dedicati all’ambiente

Condividi

Cambiamenti climatici. Aperte le adesioni al calendario degli eventi green per promuovere il 2021 ad anno dell’Ambizione Climatica. «Siate con noi protagonisti del cambiamento climatico, proponeteci i vostri eventi legati al tema della tutela ambientale ed entrerete a far parte del nostro programma internazionale All4Climate-Italy2021 per la sensibilizzazione e la divulgazione delle buone pratiche».

Una vera e propria chiamata a sostenere la lotta ai cambiamenti climatici arriva dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa, rivolta ad aziende, professionisti, enti pubblici e privati, scuole e tutta la società civile.

Un’iniziativa lanciata dal ministero dell’Ambiente in collaborazione con il programma di comunicazione sui cambiamenti climatici Connect4Climate della Banca Mondiale, assieme alla Regione Lombardia e al Comune di Milano, per promuove un percorso aperto a tutti – All4Climate-Italy2021 – finalizzato al confronto e al dialogo sulle sfide e le buone pratiche legate al tema dei cambiamenti climatici e agli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Per 1 italiano su 3 il settore energetico traina lo sviluppo sostenibile

“Il nostro obiettivo è sostenere tutti quei cittadini, associazioni e aziende sensibili alla promozione della tutela ambientale, che hanno posto l’economia circolare al centro della propria azione – spiega il ministro CostaVogliamo supportare lo scambio e la diffusione di idee ed attività utili a consolidare l’alleanza tra il sistema pubblico e privato nel campo dell’ambiente e dell’economia, per realizzare quella svolta di cui il Paese ha bisogno.”

Un anno di iniziative attraverso cui tutti potranno offrire un contributo in vista dei due appuntamenti preparatori della COP26 che l’Italia ospiterà a Milano dal 28 settembre al 2 ottobre 2021: l’evento preparatorio (Pre-COP) e l’evento internazionale dedicato ai giovani “Youth4Climate2021: Driving Ambition”.

Nello spirito dell’Accordo di Parigi, l’intento è quello del più ampio coinvolgimento della società civile, del settore privato, delle amministrazioni pubbliche, del mondo della ricerca, nonché di scuole e studenti.

Per aderire ed entrare a fare parte del Programma All4Climate – Italy2021 c’è tempo fino al 29 gennaio 2021.

Italia, rapporto sulla qualità dell’aria: livelli di inquinamento ancora molto alti

Gli incontri possono essere organizzati in formato virtuale o in presenza, potranno svolgersi sull’intero territorio nazionale durante il 2021 o nel corso della “Pre-COP 26” e dell’evento dedicato ai giovani “Youth4Climate2021: Driving Ambition”.

Per le iniziative che si terranno a Milano, o in Lombardia, è previsto il sostegno del Comune di Milano e della Regione Lombardia.

Tutti gli eventi si dovranno svolgere nel rispetto della normativa anti Covid vigente ed essere plastic-free.

Tra tutte le proposte presentate, il Ministero dell’Ambiente selezionerà quelle che, per qualità e rilevanza, entreranno a far parte del Programma All4Climate-Italy2021, il calendario ufficiale degli appuntamenti che avranno luogo in tutta Italia nel corso dell’anno con la finalità di promuovere il 2021 come l’anno dell’Ambizione Climatica.

La scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione è il 29 gennaio 2021.

(Visited 47 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago