AnimaliAttualità

Dal Governo 5 milioni di euro per il settore apistico

Condividi

Dal Governo 5 milioni di euro per il settore apistico come ristoro dei danni causati dalle gelate di aprile.  Le api domestiche e selvatiche sono responsabili di circa il 70% dell’impollinazione di tutte le specie vegetali viventi sul pianeta e garantiscono circa il 35% della produzione globale di cibo.

Gli impollinatori infatti svolgono in natura un ruolo vitale come servizio di regolazione dell’ecosistema.

“Ringrazio il presidente Mercuri e tutta la cooperazione per il grandissimo lavoro che stanno facendo, in questo caso per il settore apistico e del miele – ha evidenziato il sottosegretario alle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Gian Marco Centinaiosi va nella direzione in cui ho sempre creduto, ovvero una stretta collaborazione fra agricoltura e turismo”.

Api, in arrivo la prima polizza assicurativa per la tutela dai rischi del clima e delle malattie

“Avevo preso l’impegno di destinare parte dei fondi stanziati per aiutare i settori colpiti dalle gelate dei mesi scorsi anche agli imprenditori apistici – prosegue Centinaio – pochi giorni fa è arrivata la conferma dalla Commissione Bilancio. Sono stati stanziati cinque milioni di euro per il settore, che non aveva mai usufruito di misure simili. È stato fatto un primo passo al quale spero ne seguano altri”.

“È un progetto che mi è subito piaciuto. Avere dei messaggeri vuol dire avere ambasciatori – ha aggiunto ancora il sottosegretario – persone competenti che parlano con entusiasmo del proprio lavoro e dell’intero settore. Purtroppo non tutti conoscono il ruolo delle api per il nostro ecosistema ed è per questo importante comunicare anche il ruolo dei produttori di miele e la qualità del prodotto italiano. Non si tratta solo di aiutare un segmento economico del nostro paese ma anche di tutelare l’ambiente e fare una scelta di vita”.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago