Breaking News

SUMMIT INTERNAZIONALE “ACQUA E CLIMA”. NO PASSI INDIETRO SU ACCORDO PARIGI

Condividi

Acqua e Clima. Si apre oggi a Roma il Summit internazionale “Acqua e clima. I grandi Fiumi del mondo a confronto”.

Il vertice, organizzato dal Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con la Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite, la Rete Internazionale degli Organismi di Bacino, l’Alleance Mondial pour l’Eau e le Clima e AquaMadre, vedrà riunirsi per la prima volta i responsabili dei bacini fluviali più rappresentativi di tutti i continenti, per dare vita ad un dialogo volto ad affrontare il futuro dell’acqua, minacciato dai mutamenti climatici con ripercussioni spesso drammatiche in termini di inondazioni, siccità e distruzione di ecosistemi.

Occorre “individuare le vie attraverso le quali il dono prezioso dell’acqua sia preservato per il futuro dell’umanità” – è il messaggio che Papa Francesco ha voluto rivolgere ai partecipanti del summit internazionale, auspicando poi un “impegno congiunto per sensibilizzare la coscienza della comunità internazionale circa i problemi urgenti dei bacini fluviali più importanti del mondo”, ed arrivare “non soltanto a soluzioni pratiche, ma anche evidenziare la necessità di un approccio sempre più integrato”.

I mutamenti climatici, la deforestazione, l’aggressione delle sponde fluviali, lo sfruttamento improprio del suolo e le inondazioni sono, purtroppo, cause sempre più frequenti di  disastri e di tragedie umane.

Il confronto tra i grandi fiumi del mondo punterà a convergere su una comune visione in vista della COP 23, che si terrà a Bonn nel prossimo novembre, e del Forum Mondiale dell’Acqua di Brasilia, previsto a marzo 2018, due importanti appuntamenti in cui il nostro auspicio è che all’acqua, a buon diritto, venga riconosciuto un ruolo centrale nel dibattito sul clima e nelle scelte che i governi assumeranno per il futuro del pianeta.

Per questa ragione, mercoldì 25 ottobre, alla chiusura del Summit, verrà sottoscritta la “Carta di Roma” che stabilirà “le buone pratiche comuni di gestione di tutti i fiumi internazionali, ma soprattutto ha l’obiettivo di far capire alla comunità internazionale quanto oggi sia importante gestire bene i nostri fiumi ed i nostri laghi a livello globale, anche per il raggiungimento degli accordi di Parigi 2015”.

 

 

Per seguire la diretta clicca qui

(Visited 95 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago