Home Attualità Amazzonia, ecco le tribù che lottano per salvare la foresta

Amazzonia, ecco le tribù che lottano per salvare la foresta

Puruà (45) of the Uru-Ue-Wao-Wao tribe looks at the fire he set to the hut of the grilleros (land-grabbers), inside the namesake Natural indigenous Reserve. In September 2019 a group of grillieiros (land-grabbers) that deforested the indigenous territory, was intercepted by the Funai (government agency for the protection of indigenous people) and subsequently arrested by the police inside the Uru-Ue-Wao-Wao natural reserve. A group from the Uru-Ue-Wao-Wao tribe has now returned to the scene to set fire to the illegal hut so they can no longer return. 26 September 2019.

In Amazzonia c’è un popolo che lotta da tempo contro le fiamme, contro l’esercito, contro le corporazioni, contro il governo, per salvare la propria casa, la foresta.

Il 2019 è stato l’anno più gravoso per la foresta Amazzonica, quello che viene universalmente considerato il polmone verde del pianeta. Secondo l’Inpe (l’istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale), gli incendi nel 2019 sono aumentati dell’84% rispetto all’anno precedente.

La regione della Rondonia è quella che sembra sia stata più devastata dalle fiamme, ma in realtà la causa principale della deforestazione è l’intervento umano, principalmente dagli allevatori che distruggono la foresta per allagare le zone di pascolo.

In nome del progresso il presidente Bolsonaro ha implementato regolamentazioni più leggere sullo sfruttamento della foresta, incrementando di fatto la deforestazione“, spiega Neidinha, che gestisce Kaninde, una organizzazione che lavora con le tribù indigene della Rondonia in difesa dell’ambiente.

Amazzonia, Papa Francesco condanna i roghi: “Fuoco appiccato da interessi”

Incursioni in territori indigene sono aumentate di numero, secondo i membri della tribù Karitiana e Uru-Eu-Wau-Wau.

Amazzonia, ecco l’alleanza guidata dal Papa per salvare il polmone verde del mondo

Juripe, il capovillaggio di Jamari, racconta che il mese scorso un gruppo di “landgrabber”( gli allevatori che bruciano parti delle foreste illegalmente e le trasformano in pascoli) sono stati sorpresi mentre appiccavano fuochi e sono stati identificati e arrestati.

 

Anche se gli indigeni sono gli unici a cui è permesso di attraversare le zone protette, boscaioli e landgrabbers invadono regolarmente le nostre terre per devastare e sfruttare la foresta”, spiega Juripe.

E se la deforestazione in Amazzonia fosse anche colpa nostra?

La tribù di Karitiana vive nell’area centrale del territorio indigeno della Rondonia, circondata da fattorie e allevamenti privati che minacciano giornalmente la tribù e la foresta.

 

Maye, Purua e Alessandra fanno parte della tribù Uru-Eu-Wau-Wau nella riserva amazzonica. Il mese scorso, le tre hanno preso parte a una missione nella foresta per distruggere un capanno illegale usato come base per le spedizioni degli allevatori, da dove partivano per dare fuoco alla foresta.

 

 

Articolo precedenteUber, il servizio di bike sharing da pochi giorni a Roma già vandalizzato IMMAGINI
Articolo successivoClima, un Green New Deal per il Comune di Roma