Breaking NewsPolitica

BERLUSCONI, STRASBURGO, SCALFARI E DIMAIO, IL CAV DOMINA LA SCENA MA RISCHIA IL RUBYTER

Condividi

Roma. Mentre Strasburgo decide sulla candidabilità  di Berlusconi alle prossime elezioni politiche.

Mentre tutta la scena sembra ruotare intorno all’ex-Cav, dopo che Eugenio Scalfari ha confessato, nell’intervista a DiMartedì, che tra lui e Di Maio sceglierebbe Berlusconi, un’altra tegola sta per abbattersi sul fondatore di Forza Italia.

La Procura di Torino infatti ne ha chiesto il rinvio a giudizio per corruzione in atti giudiziaria, insieme a Roberta Bonasia, 32 anni, ex infermieera, poi soubrette e modella.

Si tratta di un filone dell’inchiesta (e sullo scandalo) legato a Ruby, la minorenne marocchina (diventata famosa per essere stata millantata come la nipote di Mubarak) coinvolta nei festini ad Arcore.

E proprio la Bonasia viene accusata di aver percepito soldi per dire il falso sui quei festini.

Intanto la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo dovrà decidere sulle sorti di Silvio Berlusconi.

Ieri la prima e unica udienza sul ricorso presentato nel settembre del 2013 da Silvio Berlusconi contro la decadenza del suo mandato di senatore e la sua ineleggibilità in base alla legge Severino.

La decisione definitiva in ogni caso non arriverà prima di diversi mesi, ma già si apre la partita sulle candidature alle prossime politiche.

“L’8 marzo 2018 sarà possibile presentare un’istanza di riabilitazione in Italia – spiega Niccolò Ghedini  – questo estinguerebbe gli effetti della legge Severino. È tecnicamente possibile – anticipa poi – anche una candidatura con riserva. La decisione la prenderà lo stesso Berlusconi”.

“Basterebbe perlomeno un mese” – spiega Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia al Senato, auspicando che il governo tenga presente la situazione di Berlusconi e concorra a far slittare il voto rispetto alla data prevista di marzo.

Ma il Partito democratico sembra aver già indicato il prossimo 11 marzo, come data papabile per le prossime elezioni, facendo capire di non essere disponibile ad andare oltre e di non prediligere la strada dell’election day.

Silvio Berlusconi fa sapere di essere “sereno e soprattutto fiducioso”.

Mi aspetto che la Corte di Strasburgo accolga il mio ricorso – spiega il leader degli azzurri – il mio ruolo nella prossima campagna elettorale è comunque chiaro: sarò in campo per portare il centrodestra al governo del Paese”.

(Visited 138 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago