Home Animali Stop alle fattorie di bile in Corea del Sud, fine dell’incubo per...

Stop alle fattorie di bile in Corea del Sud, fine dell’incubo per gli Orsi della Luna

A partire dal 2026 in Corea del Sud non sarà più possibile estrarre bile dagli Orsi della luna nelle famigerate fattorie di bile

In Corea del Sud, Vietnam e Cina esistono degli allevamenti di Orsi – le cosiddette fattorie della bile – che sono stati considerati dei veri e propri lager per le condizioni atroci con cui gli orsi vengono trattati per l’estrazione della loro bile che è considerata preziosa nella medicina cinese.

Dal gennaio del 2026, però, la Corea del Sud non farà più parte della lista dei Paesi con fattorie di bile. Il Paese asiatico, infatti, ha firmato un accordo con la Bear Farmers Association e alcune altre organizzazioni per la protezione degli animali in cui si impegna a mettere fine agli allevamenti degli Orsi della Luna per l’estrazione della loro bile.

Il primo passo che porterà alla chiusura dei lager per orsi – ha fatto sapere il governo di Seul – sarà la sterilizzazione di tutti gli animali all’interno degli allevamenti esistenti.

Il governo, poi, ha annunciato che costruirà diversi santuari per ospitare gli orsi che saranno liberati.  E poi, finalmente, a gennaio 2026, le fattorie della bile non esisteranno più.

Studiare le farfalle per capire e i cambiamenti climatici, il lavoro del ricercatore Claudio Sbaraglia

Come funziona l’estrazione della bile dagli orsi della luna

Gli orsi della luna (o orsi tibetani) che si trovano nelle cosiddette fattorie della bile vengono rinchiusi in gabbie strettissime (circa 2 metri cubi, per animali che hanno più o meno la stessa dimensione) nelle quali non possono muoversi.

Qui avviene il prelievo della bile diverse volte al giorno attraverso l’utilizzo di cateteri di metallo inseriti nella cistifellea in condizioni igieniche pessime che causano spesso infezioni e morte.

Gli animali che riescono a sopravvivere a queste torture spesso impazziscono fino a compiere pratiche autolesionistiche che li portano alla morte.

“L’accordo tra il governo di Seul e la World Animal Protection – ha dichiarato Maya Pastakia di Wildlife – invia un segnale chiaro e positivo che la pratica crudele dell’allevamento della bile d’orso non è più accettabile in un paese moderno, soprattutto perché le alternative a base di erbe sono prontamente disponibili. Gli orsi non sono una medicina. Sono esseri senzienti e appartengono alla natura”.

Indonesia, liberato dopo 5 anni il coccodrillo con un pneumatico incastrato al collo

Articolo precedenteGermania, la direttrice di Greenpeace international sarà la nuova inviata speciale per il clima
Articolo successivoI macachi possono giocare ai videogame, lo rivela uno studio