Breaking News

SPAZIO, PARTE LA MISSIONE DI 3 ASTRONAUTI A BORDO DEL VEICOLO SOYUZ

Condividi

Baikonur. Alle 8.21 (ora italiana) di questa mattina sono volati nello spazio a bordo della Soyuz Ms-07 diretta verso la stazione spaziale internazionale (Iss) tre astronauti per una missione di sei mesi.

A salire sul cosmodromo kazako di Baikonour l’americano Scott Tingle della Nasa, il cosmonauta russo Anton Shkaplerov di Roscosmos e l’ingegnere giapponese Norishige Kanai della Japan Aerospace Exploration Agency.

Il viaggio verso la stazione spaziale si concluderà il 19 dicembre alle 10 (ora italiana).  Ad attendere i tre astronauti il comandante russo Alexandre Misurkin e gli altri due abitanti della Iss arrivati lo scorso settembre, gli americani Mark Vande Hei e Joe Acaba.

Qualche giorno fa, proprio a bordo della stessa navicella, ha fatto il suo rientro sulla Terra l’astronauta italiano Paolo Nespoli, dopo aver trascorso 5 mesi e mezzo nella stazione internazionale per la missione Vita dell’Agenzia spaziale italiana.

 

Il programma Soyuz  ebbe inizio nei primi anni sessanta, come parte del programma Luna, ed ebbe come scopo quello di portare un cosmonauta sulla Luna. Vedi anche: Programma Soyuz

Come riporta il Wall Street Journal, la NASA ha annunciato ufficialmente di aver acquisito posti aggiuntivi sul veicolo Soyuz per portare gli astronauti sulla Stazione spaziale internazionale nel 2019

al fine di garantire la flessibilità necessaria per lo sviluppo di un programma affidabile di lanci.

(Visited 146 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago