AttualitàCulturaGood NewsScienza e Tecnologia

La Scala, il teatro diventa green: un piano da tre milioni per la rivoluzione ecologica

Condividi

Il Teatro alla Scala di Milano diventa green. È stato infatti varato un piano da tre milioni di euro per una vera e propria rivoluzione ecologica.

Il Teatro alla Scala di Milano diventa green. È stato infatti varato un piano da tre milioni di euro per una vera e propria rivoluzione ecologica del teatro italiano più famoso al mondo. Come spiega La Repubblica, il piano si articolerà in due fasi principali.

Condizionatori, come ridurre i consumi e l’impatto sull’ambiente? La guida di Enea

La prima fase della riconversione ecologica del Teatro alla Scala è già stata avviata e riguarda la sostituzione delle classiche lampadine con luci led a minore impatto ambientale e l’installazione di tablet al posto della carta per partiture, spartiti e programmi di sala. Proprio i programmi diventeranno anche uno strumento per prenotare consumazioni al bar.

Crisi climatica, a rischio le scorte di caffè e cacao (e altre cose a cui non vorremmo mai rinunciare)

La seconda fase del piano prevede invece l’installazione di pannelli solari e sistemi di compensazione climatica, ma non solo. Saranno infatti realizzati scenografie e costumi a basso impatto ambientale.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago