Roma

Roma, arriva la E-PARADE. 12 aprile, giro eco-friendly sul circuito dell’Eur. INFO

Condividi

Roma. E-Parade 2019. Il 12 aprile i possessori di hoverboard, skateboard, bici elettriche e monocicli, potranno calcare la pista del circuito romano di Formula E. Partecipazione gratuita, previa registrazione. Età minima 12 anni. Numero massimo 400 partecipanti

Quest’anno in occasione della edizione romana dell’ E-PRIX 2019, il Gran Premio di Formula E, sarà possibile partecipare gratuitamente, previa iscrizione, alla prima E-Parade di Roma, una parata di mezzi ecologici ed elettrici a 2, 3 o 4 ruote, non competitiva e che non prevede premi in palio.

Formula E, 13 Aprile 2019 la seconda edizione del Roma-E Prix

E’ l’occasione per calcare la pista del circuito con il proprio mezzo eco-friendly. Ammessi hoverboard, skateboard, biciclette elettriche, monocicli. Vietati invece i veicoli elettrici registrati e o immatricolati, ugualmente i prototipi non approvati per la commercializzazione.

Mobilità, il 2019 anno delle elettriche e delle ibride plug-in

Villaggio per la Terra, Roma. Tutti gli eventi in programma il 22 Aprile

L’evento avrà luogo venerdì 12 aprile, a partire dalle 18:00. Per partecipare sarà necessario completare la propria iscrizione entro l’11 aprile alle ore 18:00. Entro tale data, sarà inoltre necessario, come condizione per partecipare alla E-Parade, aver compiuto 12 anni. I minori dai 12 ai 15 hanno l’obbligo di essere accompagnati dai genitori. Mentre per i minori di 18 sarà sufficiente presentarsi con l’apposito modulo di autorizzazione. Tutti, chiaramente dovranno essere muniti di un casco a norma.

Roseto di Roma, riapertura dal 21 Aprile. Ingresso gratuito. Info

La partecipazione all’evento è gratuita e limitata a un numero di 400 partecipanti previa registrazione sul sito.

Per maggiori dettagli e informazioni sulle modalità di partecipazione vedi Regolamento.
Info: eparade@romeeprix.com

(Visited 381 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago