Roma e Dintorni

Roma, domenica 24 marzo stop totale alla circolazione delle auto

Condividi

Roma. Domenica 24 marzo, in concomitanza con l’iniziativa #VIALIBERA che prevede un circuito di 15 chilometri dedicato a pedoni e ciclisti dalle 10 alle 18, torna il divieto totale della circolazione con il quinto appuntamento delle “Domeniche ecologiche”, il provvedimento della Giunta capitolina per contenere le emissioni inquinanti e contribuire a sensibilizzare la cittadinanza sul tema della qualità dell’aria e ad un uso responsabile delle fonti energetiche.

Smog e fogne, Italia deferita alla Corte di Giustizia Ue per sforamento limiti biossido di azoto

L’iniziativa prevede il divieto totale della circolazione ai veicoli dotati di motore endotermico, nella ZTL “Fascia Verde” del PGTU.

La limitazione è estesa anche agli autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) Euro 6.

Il blocco del traffico sarà efficace nelle fasce orarie 7.30-12.30 e 16.30-20.30.  

Smog, a Milano apre Area B. La più grande Ztl d’Italia

Eventuali deroghe specifiche sono riportate nell’Ordinanza Sindacale che si può reperire online sul sito di Roma Capitale. 

 

Inoltre, gli impianti termici, il cui funzionamento giornaliero consentito è di massimo 8 ore, dovranno essere gestiti in modo da garantire una temperatura dell’aria 16negli ambienti non superiore a 18°C o 17°C in funzione del tipo di edificio.

Smog, l’Italia è il Paese con il più alto numero di aree a rischio

La Polizia Locale di Roma Capitale dovrà provvedere alla vigilanza al fine di garantire l’osservanza del provvedimento di limitazione della circolazione da parte della cittadinanza.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago