regione lazio piano transizione ecologica civitavecchia

A presentarlo l’assessora regionale Roberta Lombardi e il vicepresidente Daniele Leodori.

Regione Lazio, presentato il piano per la transizione ecologica di Civitavecchia. Si tratta di un documento, di oltre 300 pagine, elaborato insieme a Sapienza Innovazione e presentato oggi da Roberta Lombardi, assessora alla transizione ecologica e alla trasformazione digitale, e dal vicepresidente Daniele Leodori. Durante l’incontro in Comune, ricco di interventi, sono state raccolte le osservazioni al Piano da parte di circa 20 rappresentanti del mondo della ricerca, del lavoro e delle attività produttive, ed esponenti della cittadinanza.

La formula che sintetizza il piano regionale è ‘Civitavecchia più sostenibile, solidale e competitiva’. Lanciata anche la consultazione pubblica online (in corso fino al prossimo 11 luglio): a questo link sarà possibile visionare il documento e presentare le proprie osservazioni compilando un apposito form.

Il piano prevede assi strategici di intervento come la trasformazione dell’area portuale, il nuovo distretto energetico, il turismo sostenibile e nuovi poli produttivi e innovativi. Ci sono obiettivi da raggiungere entro il 2026, stesso orizzonte temporale previsto per gli investimenti del Pnrr” – ha spiegato Roberta Lombardi – “Abbiamo previsto infrastrutture portuali per ospitare la filiera dell’eolico off-shore, l’installazione di almeno 25MW di impianti fotovoltaici, creazione di un hub per l’accumulo e la distribuzione di energia prodotta da Fonti Energetiche Rinnovabili, la produzione di 10.000 t/anno di idrogeno verde“.

Il vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori, ha invece spiegato: “Guardiamo ad un futuro sempre più sostenibile, con questo piano coinvolgiamo tutti e diamo la possibilità a Civitavecchia di crescere e svilupparsi con una forte attenzione all’ambiente. Pensiamo anche a nuove infrastrutture che permetteranno un collegamento migliore con il resto del territorio regionale“.

Articolo precedenteStop alle auto a benzina e diesel entro il 2035, il Ppe vuole cambiarlo
Articolo successivoIn arrivo in Europa latte sintetico senza mucche. Buona o cattiva notizia per l’ambiente?