“L’aria buona entra in Classe”! Presentato il nuovo cartone animato del progetto educativo “Il Sole in Classe” di ANTER per diffondere la conoscenza e il corretto utilizzo delle energie rinnovabili tra i bambini e ragazzi.

E’ stato presentato presso la Sala Caduti di Nassirya, Senato della Repubblica, mercoledì 1 dicembre il nuovo cartone animato del progetto educativo “Il Sole in Classe” di ANTER (Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili), “L’aria buona entra in classe”, per diffondere la conoscenza e il corretto utilizzo delle energie rinnovabili tra i bambini e ragazzi.

 

Il Sole in Classe è un format educativo sviluppato per trasmettere alle giovani generazioni l’importanza di un atteggiamento quotidiano rispettoso dell’ambiente. Attraverso un approccio ludico-didattico che fa uso di cartoni animati e filmati multimediali, Il Sole in Classe promuove la conoscenza delle energie rinnovabili e l’adozione di stili di vita più ecosostenibili.

Una grande emozione perché proprio qui in Senato 7 anni fa avevamo lanciato il progetto “Il Sole in classe”. Siamo tornati oggi con dei numeri importanti che in questi anni sono stati raggiunti: oltre 200mila bambini e oltre 4000 lezioni nelle classi. – afferma Alessandro Giovannini, Presidente ANTER –  Con il lancio del nuovo cartone “L’aria buona entra in classe” in una sola settimana i tanti delegati di ANTER, gli ambasciatori, i coordinatori, hanno fatto davvero un capolavoro superando le 500 classi. Noi crediamo che la transizione ecologica non può prescindere dalla transizione culturale, per questo ci battiamo ogni giorno in modo proattivo per vincere tutti insieme la sfida. Dobbiamo elaborare, applicare e condividere nuovi paradigmi di vita sociale sostenibile in armonia con l’ambiente e di utilizzo non selvaggio delle risorse ambientali, tutelando le bellezze del nostro paese attraverso la promozione di energie pulite”.

ANTER Green Awards 2021, grande successo per la premiazione in versione digitale

Il cartone “L’aria buona entra in classe” affronta il tema della trasmissione aerea dei Virus, andando a spiegare la differenza fra Droplet e Aerosol e le possibili dinamiche di contagio correlate.

L’obiettivo è quello di richiamare l’attenzione – oltre che sulle norme di prevenzione e contenimento di SARS- COV 2 già emanate dalle autorità competenti – anche sugli aspetti relativi alla qualità dell’aria indoor e all’importanza del suo ricambio ulteriore misura per contenere l’infezione pandemica al fine di agevolare la didattica in presenza.

La dottoressa e medico pediatra Stefania Russo, Presidente del comitato scientifico di ANTER, spiega come l’associazione “da alcuni anni porta avanti il concetto di mettere in sicurezza l’aria che noi tutti respiriamo e, in particolare, si rivolge ai bambini. Come comitato scientifico

abbiamo condotto diverse ricerche in questo campo, in particolare una sulle polveri ultrafini insieme al prof. Giorgio Buonanno dell’Università di Cassino e la professoressa Paola Palestini, pubblicata su un’importante rivista internazionale Atmosphere, che ha messo in risalto l’importanza di puntare l’attenzione sull’ambiente indoor, meno tutelato dalle leggi italiane ma che rappresenta invece il principale killer: la maggiore concentrazione delle polveri ultrafini si ha proprio nelle nostre case dove i nostri bambini passano la maggior parte della giornata”.

La senatrice Vilma Moronese, Presidente 13esima Commissione permanente Ambiente del Senato, presente all’evento, ha sottolineato l’importanza di progetti di educazione ambientale come quello di ANTER nelle scuole: “Nel 2018 prima con un protocollo d’intesa e poi diventata norma di legge, è stata inserita l’educazione ambientale all’interno dei programmi di educazione civica nelle scuole. Le cose cambiano se siamo tutti noi a cambiare. Se abbiamo dei ragazzi oggi informati che diventeranno i cittadini del domani sono loro che dovranno farsi carico e pretendere anche dalle istituzioni di seguire la giusta direzione. L’educazione ambientale andrebbe rivolta anche agli adulti e questo cartone sarebbe importante farlo vedere anche all’interno delle famiglie. Sembra un prodotto semplice ma alla base ci sono degli importanti studi scientifici che emergono guardandolo”.

Per vedere il nuovo cartone animato e partecipare al progetto “Il Sole in Classe” tutte le informazioni QUI

Moderatrice Mariaelena Leggieri, giornalista TeleAmbiente.

 

Articolo precedenteCovid, vaccini per i bambini dal 16 dicembre, in arrivo 1,5 mln di dosi
Articolo successivoSostenibilità e nuove generazioni, Bayer al Festivaldeigiovani