Giornata mondiale dell’Istruzione, il WWF inaugura un corso su ambiente e salute

45
0

In occasione della giornata mondiale dell’Istruzione proclamata dalle Nazioni Unite, il WWF ha inaugurato un corso dal titolo One Planet, One Health per spiegare il forte legame tra l’ambiente e la salute. 

La giornata mondiale dell’istruzione dell’Onu – che si festeggia ogni 24 gennaio – è l’occasione per ripensare il ruolo dell’educazione ambientale.

Soprattutto in un’epoca – come quella che stiamo vivendo – fortemente caratterizzata dalla lotta al Coronavirus e alla pandemia.

Ormai è opinione comune nella comunità scientifica internazionale che esiste una connessione assai stretta tra la crisi sanitaria e quella ecologica. E che nel futuro le due questioni saranno ancora più correlate.

Per comprendere meglio questo legame, il WWF ha lanciato un nuovo corso gratuito – dal titolo One Planet, One Health – che ha l’obiettivo di far comprendere meglio il legame profondo tra la natura e la nostra salute.

Un milione di firme raccolte contro il commercio delle pinne di squalo

Giornata dell’istruzione, il corso del WWF

“Questo – spiega a TeleAmbiente Marco Galaveri, direttore Programma e Oasi del WWF – è un corso che vuole aiutare tutti coloro che sentono la necessità di capire meglio quello che sta succedendo al nostro pianeta, soprattutto in relazione alla nostra salute. Quindi per orientarsi meglio nella complessità di questi tempi difficili trovando una radice profonda di molte delle situazioni che stiamo vivendo”.

“La pandemia in corso si è originata da un rapporto sbagliato e ad altissimo rischio con la biodiversità”, spiega Galaveri. Dunque è importante conoscere il legame profondo tra l’uomo e il resto della natura.

Il corso One Planet One Health, a cui si può accedere attraverso la pagina ufficiale, è introdotto da Barbara Gallavotti, scrittrice, biologa, accademica e divulgatrice scientifica italiana e si articola in talk di esperti relativi a tutti quegli studi scientifici che hanno messo in evidenza la relazione tra ambiente e salute.

Ad esempio, Elena Uga, del gruppo Pediatri per un mondo possibile dell’Associazione Culturale Pediatri (ACP), spiega quanto la salute dei bambini sia correlata all’ambiente in cui sono immersi durante la crescita e quante patologie invece siano legate all’inquinamento ambientale.

Ampio spazio è dedicato anche alla salute mentale e psicologica – con l’intervento della psicobiologa Gemma Calamandrei, dirigente del Centro per le Scienze del Comportamento e la Salute Mentale dell’Istituto Superiore di Sanità – e al mondo della farmacologia, con Renato Bruni, professore associato di Botanica e Biologia farmaceutica presso il dipartimento di Scienze degli Alimenti dell’Università di Parma.

Galaverni (WWF): “Importante portare l’eduzione ambientale nelle scuole”

Nella giornata mondiale dedicata all’istruzione e all’educazione è importante sottolineare l’importanza di un’educazione ambientale nelle scuole italiane.

“Così come, giustamente, conosciamo i capolavori della letteratura e dell’arte italiana – dice a TeleAmbiente Marco Galaverni del WWF – allo stesso modo dovremmo conoscere i capolavori della natura che ci circonda”.

Se un metodo per portare l’educazione ambientale nelle scuole può essere quello di offrire strumenti agli insegnanti – come quello del corso One Planet One Health – di formazione sui temi ambientali, un altro metodo usato dal WWF è quello di portare la natura sin dentro le scuole con le Aule Natura, un progetto che porta nelle scuole delle aule all’aperto dove bambini e ragazzi possano riconquistare il rapporto con la natura.

L’ecologia spiegata ai più piccoli, al via il progetto Green Snowball Effect

 

 

 

Articolo precedenteUn milione di firme raccolte contro il commercio delle pinne di squalo
Articolo successivoClima, Mykonos imbiancata. Il video dell’isola greca coperta dalla neve