Attualità

ARRIVA DAL GIAPPONE IL GIORNALE ECOSOSTENIBILE

Condividi

Giornale ecosostenibile. La famosa testata nipponica, The Mainichi Shimbunsha, lancia il giornale al 100% ecosostenibile, il “Green Newspaper”.

Si tratta di un giornale di carta riciclata e vegetale che può essere piantato dopo la lettura. La carta piantabile è composta da un mix di carta riciclata, acqua e semi di fiori o piante aromatiche. Una volta terminata la sua funzione, anziché gettare la carta, basta sminuzzarla e piantarla. Nel giro di poche settimane darà vita a piante e fiori.

L’idea è inserita all’interno di un progetto di sensibilizzazione della popolazione sulle tematiche ambientali. Seppur di difficile realizzazione su ampia tiratura,  si tratta di un’iniziativa che può smuovere il mondo dell’editoria cartacea verso una maggiore consapevolezza del rispetto per l’ambiente.

Le copie vengono distribuite gratis dall’editore Mainichi Newspapers  in specifiche occasioni in cui si celebra l’ambiente. Questo nuovo tipo di editoria sostenibile ha riscosso un enorme successo raggiungendo una tiratura di oltre quattro milioni di copie al giorno in tutto il paese.

Il giornale ecologico è stato anche portato nelle scuole sensibilizzando i bambini sull’importanza del riciclare, a partire dalla carta.

(Visited 144 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago