Home Attualità Gelateria Fassi, un’altra bolletta da 20mila euro. Il titolare: “Da re del...

Gelateria Fassi, un’altra bolletta da 20mila euro. Il titolare: “Da re del gelato a re della bolletta”

gelateria fassi bolletta

“Da re del gelato a re della bolletta”. Un’altra bolletta da 20mila euro per il gestore della storica gelateria di Roma, Andrea Fassi.

Andrea Fassi gestore e titolare della Gelateria Fassi – Palazzo del freddo (a Roma dal 1880), aveva rilasciato qualche settimana fa a TeleAmbiente un’intervista subito la pubblicazione sul suo profilo Facebook nel quale mostrava l’ultima bolletta ricevuta. Una cifra fa spavento: 17.862,84

Questa, come ci ha spiegato, era solo la bolletta di luglio. Oggi con un nuovo post il titolare della storica gelateria romana comunica la cifra della bolletta del mese di agosto: “Da re del gelato a re della bolletta. Schiaffato in tutto il mondo, su tutti i media, ovunque. Per una settimana. Da domenica a domenica. Poi la lacrimuccia compassionevole scivola via, si ingiallisce e si dimentica presto. E da lunedì il telefono mica squilla più. Ormai la lacrimuccia ha sortito il suo effetto. – scrive su Facebook Andrea Fassi –  Il punto è che, poi, le bollette vanno pagate. Continuano ad arrivare, come questa di agosto a me e ad altri come me. E nulla cambia. Se non che, questa volta, la lacrimuccia, senza elezioni, senza utilità mediatica, non ha molto sapore e così si rovescia nel vuoto, in silenzio, senza sapere dove andare a schiantarsi. Un po’ come tutti noi”.

Nonostante il duro colpo dello scorso mese,  il gestore del locale è riuscito a pagare la bolletta perché, come ci spiega, “abbiamo avuto una buona estate, siamo stati fortunati perché il lavoro c’è”.

La scorsa volta erano circa 13mila coppette ed ora invece quante coppette la gelateria dovrà vendere in un mese per avere un guadagno (una volta coperti il costo delle bolletta)? 

Previous articleConsumo di suolo, Roma maglia nera in Italia con 100 ettari consumati nel 2021
Next articleEnergia, i sindaci al governo: “Ci serve 1 mld per le bollette, altrimenti tagliamo i servizi”