Gelateria Fassi a Roma, bolletta di quasi 20mila euro. Intervista al titolare Andrea Fassi

397
0

Intervista al gestore e titolare della storica gelateria di Roma, Andrea Fassi, dopo aver ricevuto una bolletta della luce di quasi 20mila euro.

Servizio video a cura di Mariaelena Leggieri

Il caro energia strangola gli imprenditori. Le bollette sono ormai alle stelle: c’è chi rischia la chiusura e chi continua a tenere testa al prezzo folle dell’elettricità.

Tra chi sta pagando il prezzo più alto (letteralmente) della crisi energetica in corso ci sono centinaia di imprese commerciali che vedono consegnarsi bollette elettriche stratosferiche. E se c’è chi annuncia che è meglio chiudere che andare avanti così, c’è anche chi la prende a ridere.

Un riso amaro, però. Come quello di Andrea Fassi gestore e titolare della Gelateria Fassi – Palazzo del freddo (a Roma dal 1880) che su Facebook ha mostrato le sue bollette. La cifra fa spavento: 17.862,84. Nello stesso periodo (luglio) dello scorso anno la bolletta era sotto i 5mila euro.

“La sorpresa è metà perché mi aspettavo un rincaro sulle bollette del doppio più o meno rispetto all’anno passato, perché abbiamo consumato un po’ di più e sapevo che ci sarebbe stato un aumento, perché leggo i giornali.spiega a TeleAmbiente il titolare Andrea FassiIl fatto che è quadruplicata, solo per il mese di luglio, abbiamo raggiunto 18mila euro, nel 2021 4.800 euro circa. Veniamo da due anni di pandemia, con difficoltà enormi, siamo stati chiusi. Noi stiamo lavorando molto, abbiamo avuto una buona estate, siamo stati fortunati perché il lavoro c’è. Però pagare 18mila euro di elettricità limita tutto il lavoro fatto, quindi l’utile finale“.

Abbiamo chiesto ad Andrea secondo lui per quale motivo il suo post è diventato così virale: “Non credevo in un riscontro del genere però effettivamente l’impatto emotivo è stato grande per me quindi, averlo tradotto in parole e in maniera chiara, le persone hanno sentito quello che ho provato io, anche perché è solo luglio, un mese. Ho pagato la bolletta perché posso sostenere questa bolletta, per ora. Ma poi potrei andare in perdita per l’anno 2022 e mi dispiacerebbe perché abbiamo lavorato tutti”.

Quante coppette dovrebbero essere vendute in un mese per avere un guadagno (una volta coperti il costo delle bolletta)?  Per l’esattezza, come mi ha corretto il mio commercialista, sono circa 13mila coppette“, conclude Andra Fassi.

Intervista completa ad Andrea Fassi

Articolo precedenteUmbria, al via la festa del preziosissimo sangue di Cristo a Terni
Articolo successivoElezioni, andare a votare col proprio cane è possibile? Il video