elezioni giorgia meloni

La leader di Fratelli d’Italia, primo partito, dedica un post agli elettori, ai dirigenti e ai militanti: “Grazie Italia”.

Elezioni, i pronostici e i sondaggi vengono rispettati: la coalizione di centro-destra si impone e Fratelli d’Italia è il primo partito, con il 26,2% alla Camera e il 26,3% al Senato. Giorgia Meloni, la leader di FdI, ha scritto un post per celebrare un momento storico. “Abbiamo scritto la storia. Questa vittoria è dedicata a tutti i militanti, i dirigenti, i simpatizzanti e ad ogni singola persona che – in questi anni – ha contribuito alla realizzazione del nostro sogno, offrendo anima e cuore in modo spontaneo e disinteressato” – si legge nel post – “A coloro che, nonostante le difficoltà e i momenti più complessi, sono rimasti al loro posto, con convinzione e generosità. Ma, soprattutto, è dedicata a chi crede e ha sempre creduto in noi. Non tradiremo la vostra fiducia. Siamo pronti a risollevare l’Italia. Grazie!“.

Salvini festeggia ma la Lega crolla

Nel centro-destra, poi, c’è Matteo Salvini insolitamente poco attivo sui social. L’ultimo tweet del leader della Lega (crollata al 9%) risale infatti ai minuti successivi alla chiusura dei seggi: “Centrodestra in netto vantaggio sia alla Camera che al Senato! Sarà una lunga notte, ma già ora vi voglio dire GRAZIE“. Salvini, però, ora dovrà fronteggiare gli avversari interni: nel partito c’è un certo malumore per il crollo e, specialmente dal ‘feudo’ veneto e del Nord-Est, in tanti chiedono le sue dimissioni. “La disfatta ha un nome e cognome: Matteo Salvini. Dal Papeete in poi ha sbagliato tutto, nominando nelle segreterie persone che hanno solo ed esclusivamente salvaguardato il proprio sedere” – l’affondo di Gianantonio Da Re, europarlamentare trevigiano – “Si dimetta, passi la mano a Massimiliano Fedriga (presidente della Regione Friuli-Venezia Giulia, ndr) e fissi in anticipo i congressi per la ricostruzione del partito“.
Decisamente diverso il tenore di Salvini questa mattina. “Forse paghiamo il Governo Draghi con Pd e M5S. Ieri sono andato a dormire incazzato, ora sono carico come una molla. A Letta dico che è meglio avere il 9% e 100 parlamentari in maggioranza che il 18% e 100 parlamentari in opposizione” – ha spiegato il leader della Lega in conferenza stampa – “Il Governo uscente ora faccia un decreto urgente sulle bollette, poi il nostro penserà ad un decreto sull’energia“.

 

Berlusconi torna in Senato

Silvio Berlusconi tornerà in Senato dopo aver vinto nel collegio uninominale di Monza con il 50,31% delle preferenze contro Federica Perella, candidata del centrosinistra e assessora del comune di Seregno. Fonti di Forza Italia (che ottenendo circa il 9% ha superato la Lega) celebrano così la vittoria della coalizione: “Da noi un contributo determinante, saremo decisivi anche in Parlamento e al Governo, finalmente espressione della volontà popolare“. Antonio Tajani, coordinatore di Forza Italia, ha spiegato: “Non abbiamo pregiudizi nei confronti di Giorgia Meloni, ma il nome del presidente del Consiglio sarà deciso dopo l’incontro tra i partiti alleati e con il presidente della Repubblica che avrà l’ultima parola, perché è la Costituzione che lo prevede“.

Previous articleElezioni politiche 2022, exit poll e proiezioni. I risultati in tempo reale
Next articleElezioni, la vittoria di Giorgia Meloni e del centro-destra vista dalla stampa estera