L’attore protagonista parla del film del momento (e sì, c’entra la crisi climatica).

Don’t look up è senza dubbio il film del momento. Disponibile in streaming su Netflix, è probabilmente il film più discusso in tutto il mondo negli ultimi giorni. Anche se la trama è fantascientifica, il film affronta determinati temi con un certo sarcasmo. Leonardo DiCaprio, protagonista insieme a Jennifer Lawrence, in un’intervista realizzata per Netflix spiega il significato del film, rivelando anche un’analogia con la crisi del clima.

Il Pantone della crisi climatica, il video vincitore del Mobile Film Festival

Ho cercato spesso, nella mia carriera, di recitare in film che avessero una connotazione ambientalista, ma come accade per le notizie sul cambiamento climatico, la gente non ne vuole sapere. Farne un film è ancora più difficile” – spiega Leonardo DiCaprio – “Adam McKay, che è un tipo incredibilmente esplicito sulla crisi climatica, voleva fare davvero un film che portasse un po’ di ‘black humor’ su una situazione preoccupante. Adam è stato geniale ad usare l’analogia di una cometa gigante diretta verso la Terra e a mostrare la prevedibile reazione dell’umanità, a livello politico e scientifico, e le sue decisioni in merito“.

Stati Uniti, clima impazzito: dopo il caldo nevica su tutto il paese

Mi ha ricordato com’è per i climatologi e gli scienziati come Michael Mann quando vengono interpellati dai media per parlare degli eventi catastrofici legati alla crisi climatica. Cercano di adeguarsi ai media e di non politicizzare la questione, ma di descrivere i fatti il meglio possibile” – continua l’attore protagonista di Don’t look up – “Questi personaggi affrontano verità brutali, proprio come succede a noi sulla Terra. Adoro il finale del film perché ci costringe a esaminare seriamente il nostro destino e il fatto che molti fattori stanno diventando irreversibili, lasciandoci a disposizione appena 10 anni per procedere alla transizione“.

Nucleare in tassonomia Ue: tutti divisi, non solo in Italia

A questo punto emerge del tutto l’anima ambientalista di Leonardo DiCaprio. “Senza i leader adatti e metodi di mitigazione del clima, affronteremo un destino simile a quello dei personaggi del film. Stiamo già subendo le conseguenze della crisi climatica e il mondo negli anni a venire sarà senz’altro diverso. Con il Covid è diventato ancora più ovvio come esistano tantissime incertezze anche nella scienza moderna” – spiega l’attore – “Nonostante gli interventi su questo tema, da parte di persone competenti e intelligenti, vadano avanti da 20 anni, le emissioni globali stanno ancora crescendo e non stiamo apportando i cambiamenti necessari. Ora vediamo le conseguenze di quello che gli scienziati ripetono da decenni e questo si sta verificando nell’anno esatto previsto da un climatologo con cui ho parlato. Lui ipotizzava la diffusione di incendi in tutto il mondo, proprio in questo periodo“.

A questo punto, Leonardo DiCaprio lancia un monito: “Non è che non stiamo ascoltando, ma non stiamo prendendo le misure necessarie“. E tornando a Don’t look up, l’attore spiega: “Il film è molto coraggioso, sotto molti aspetti rispecchia la nostra cultura e la gestione delle cattive notizie e si chiede se noi, come specie, riusciremo a evolverci per concentrarci sulla questione più importante della storia dell’umanità“.

Articolo precedenteA Torino arriva “Ma bookstore”, una libreria green col cuore in Oriente
Articolo successivoEWBALLS, la conferma: un bluff come le Biowashball