AttualitàClima

Clima, un solo Paese al mondo ha rispettato gli obiettivi dell’Accordo di Parigi: ecco quale

Condividi

Clima, c’è un solo Paese al mondo che finora ha rispettato gli obiettivi stabiliti dall’Accordo di Parigi. E non si tratta neanche di uno tra i più ricchi al mondo.

A cinque anni dall’Accordo di Parigi, e a poco più di un mese dall’inizio della Cop26, c’è un solo Paese al mondo che finora ha rispettato gli obiettivi. O per essere più precisi, un solo Paese su 37 costantemente monitorati, ma difficilmente si può prevedere una situazione positiva in altre parti della Terra. Non si tratta nemmeno di uno dei più ricchi al mondo. Si tratta del Gambia, come riferisce il nuovo rapporto del Climate Action Tracker, istituzione scientifica indipendente che controlla quali provvedimenti vengono effettivamente messi in atto per contrastare la crisi del clima.

 

Il monitoraggio di Climate Action Tracker ha interessato 37 diversi Paesi, ma solo il Gambia ha preso provvedimenti per ridurre le emissioni di gas serra e aumentare l’energia da fonti rinnovabili. Tutti gli altri Paesi esaminati, compresi quelli che appartengono al G20, sono decisamente lontani dagli obiettivi fissati a Parigi nel 2016.

Dietro il Gambia, ad un livello che viene considerato ‘quasi sufficiente’ dal Climate Action Tracker, troviamo nell’ordine: Costa Rica, Kenya, Marocco, Etiopia, Nepal, Nigeria e Regno Unito. Inoltre, lo studio ha fatto emergere dati inquietanti: oltre 70 Paesi devono ancora presentare un obiettivo aggiornato, per cui non è possibile un monitoraggio, e la maggior parte dei Paesi più inquinanti, a cominciare da Cina, India e Stati Uniti, non ha adottato alcuna misura efficace per ridurre le emissioni.

(Visited 29 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago