cesena cavalla morta corsa

Una festa trasformatasi in tragedia. Non si conoscono ancora le cause del decesso.

Doveva essere una serata di festa, per il centenario dell’ippodromo del Savio, a Cesena. E invece si è trasformata in tragedia. Perché durante una corsa una cavalla purosangue di quattro anni, Carabela, si è accasciata improvvisamente e non è stato possibile fare nulla per salvarla.

La cavalla era condotta da Marco Stefan, di proprietà di Carlo Landolina e allenata da Gaspare Lo Verde. La tragedia si è consumata martedì sera, alla seste corsa della prima serata della stagione, in occasione del Premio Varenne. “Quanto successo è una grande tragedia per tutti, siamo molto colpiti. Si è trattato di un incidente“, spiegano dall’ufficio stampa dell’ippodromo.

Non si conoscono ancora le cause del decesso dell’animale. Tutti i cavalli, prima delle corse, vengono visitati dai veterinari per verificarne lo stato di salute. Sulla cavalla sono stati eseguiti dei prelievi e le analisi serviranno a vederci più chiaro. Intanto, però, le corse finiscono sotto accusa: i cavalli sono costretti a gareggiare in condizioni di caldo estremo e stress. Sempre a Cesena, lo scorso anno, il cavallo Alleluia LZ era stato stroncato da un aneurisma: veniva da 114 corse in cinque anni.

Articolo precedenteSardegna, festa non autorizzata sull’Isola dei Cavoli: aperta un’indagine
Articolo successivoL’Unione europea vuole vietare le sigarette a tabacco riscaldato aromatizzato