AnimaliAttualità

Austria, impiantata la prima zampa bionica su un avvoltoio barbuto

Condividi

Si trova in Austria il primo uccello bionico al mondo. Il suo nome è Mia ed è un raro esemplare di avvoltoio barbuto. Al cucciolo d’uccello è stata amputata la zampa destra  appena nato poiché la sua caviglia si era impigliata tra le fibre di lana di pecora del nido e la zampa era andata in necrosi.

Per gli avvoltoi barbuti, le zampe sono fondamentali per atterrare, camminare e catturare le prede.

Si tratta di una specie rara a rischio. Il loro numero è stato fortemente ridotto dai cambiamenti climatici e dalle minacce causate dall’attività umana, come collisioni con cavi elettrici e parchi eolici. Oggi ne rimangono in vita poche centinaia di esemplari.

Quello di Mia, è il primo caso di impianto bionico su un uccello e la sua riuscita si deve al team della Medical University of Vienna guidato da Oskar Aszmann.

Durante la fase di progettazione, il team di esperti ha pensato a realizzare un arto che fosse abbastanza resistente ma che permettesse all’uccello di afferrare la preda, camminare e atterrare.

Animali, consegnate alle Nazioni Unite 600mila firme per fermare lo scempio dei Wet Market

Gli esperti hanno utilizzato la tecnica della osetointegrazione che collega direttamente le parti esterne della protesi ad un ancoraggio osseo che ne garantiscono l’adesione allo scheletro.

La nuova zampa bionica è costituita da un cilindro di gomma nera che conferisce all’uccello trazione e stabilità e che riduce al minimo la sua torsione evitando di danneggiare ulteriormente la zampa.

Africa, la scoperta di un giacimento petrolifero mette a rischio la vita di 130mila elefanti

“Questo concetto offre un alto grado di incarnazione, poiché l’osteopercezione fornisce un feedback intuitivo diretto, consentendo così l’uso naturale dell’estremità per camminare e nutrirsi – ha spiegato Aszmann per la prima volta abbiamo ricostruito con successo bionicamente l’arto di un avvoltoio”.

Durante l’intervento, l’uccello austriaco è stato sottoposto ad anestesia generale per un paio d’ore e la riabilitazione è iniziata poco dopo l’operazione.

Dopo appena tre settimane Mia ha iniziato a fare i primi tentativi per tornare a camminare e oggi è in grado di atterrare e camminare usando entrambe le zampe.

(Visited 8 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago