AttualitàSalute

Morti per Amianto, il tribunale di Roma condanna Ministero della Difesa e Cotral

Condividi

Amianto. Dopo anni di battaglie, all’interno e fuori le aule dei Tribunali, per i legali delle famiglie delle vittime dell’amianto sono arrivate due rilevanti sentenze, entrambe pronunciate dal Tribunale civile di Roma.

Con la prima, il Giudice della II Sezione Civile, Alessandra Imposimato, ha condannato il Ministero della Difesa al risarcimento dei danni a favore dei familiari del Sottufficiale V.L. di Montopoli di Sabina, deceduto a 65 anni il 29 maggio del 2009 per mesotelioma pleurico (diagnosticatogli nel 2007), patologia asbesto correlata contratta a seguito del servizio prestato dal luglio del 1961 al settembre del 1987 con mansione di motorista all’interno di molte unità navali.

I familiari, assistiti dall’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Amianto, da 20 anni in prima linea nella difesa delle vittime dell’amianto, hanno ottenuto un risarcimento di circa 673 mila euro.

Amianto, dal Ministero Ambiente 385 milioni per rimuovere la fibra killer

Nella sentenza si legge come non vi sia alcun dubbio sul fatto che il Sig. V.L. sia deceduto a causa di mesotelioma e sul fatto che la patologia sia stata cagionata dall’inalazione di polveri e fibre di amianto durante il periodo di servizio prestato alle dipendenze della Marina.

A riprova di ció, sempre nella sentenza, si fa riferimento al fenomeno epidemico di patologie asbesto correlate tra i Marinai, con 1101 casi di mesotelioma segnalati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Padova, dove pendono diversi procedimenti penali a carico degli alti vertici della Marina Militare.

Con il secondo verdetto, il Giudice Chiara Serafini della XII Sezione Civile, ha condannato la Cotral S.p.A. al pagamento della somma di 294 mila euro a favore della vedova del Sig. V.C.  per i danni dalla stessa sofferti in conseguenza della morte del marito, deceduto il 22 luglio 2011 per un adenocarcinoma polmonare. V.C. dal 1981 al 1992 ha lavorato con mansione di manovale occupandosi principalmente della manutenzione delle scale mobili della metropolitana romana.

Per dieci anni, poi, ha prestato servizio presso l’officina meccanica/deposito bus di Poggio Mirteto, sempre in esposizione a polveri e fibre di amianto, che ne hanno determinato il decesso, come accertato dallo stesso C.T.U. incaricato dal Tribunale.

Giornata mondiale vittime amianto, ancora troppe le vittime della fibra killer

“Con queste pronunce il Tribunale di Roma dispone l’applicazione dei principi di diritto più volte ribaditi dalla Suprema Corte di Cassazione” – afferma Bonanni  che sottolinea – “come associazione intendiamo ribadire che è nostra ferma intenzione perseguire la via di una definizione bonaria e conciliativa, e nel caso in cui sia il Ministero della Difesa che altre aziende pubbliche, come può essere la Cotral, dovessero proseguire nel negare il diritto al risarcimento danni, proseguiremo con le azioni legali in tutte le competenti sedi, prima di tutto in quelle civilistico risarcitorie”.

“Proseguiamo la nostra attività di assistenza, prima di tutto medica e poi legale, in favore delle vittime dell’amianto e dei loro familiari, per la tutela di tutti i diritti – aggiunge il Presidente ONA – fermo restando che insistiamo affinchè ci siano finalmente le bonifiche per evitare che ci siano altre esposizioni e, purtroppo, altri casi di patologie asbesto correlate che, come abbiamo visto, hanno sempre un esito altamente lesivo, quanto non direttamente infausto”.

L’Osservatorio è operativo tramite il numero verde 800034294 e lo sportello telematico al link https://www.osservatorioamianto.com/

 

(Visited 99 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago