Home Attualità Cultura Diego Abatantuono, “Per salvare l’ambiente servirebbe un capitano Achab”

Diego Abatantuono, “Per salvare l’ambiente servirebbe un capitano Achab”

abatantuono ambiente il mostro dei mari

Il noto attore Diego Abatantuono, durante la presentazione del film d’animazione “Il mostro dei mari” (di cui è uno dei doppiatori), ha parlato della necessità di salvare l’ambiente

Per salvare l’ambiente servirebbe un capitano Achab. Almeno secondo Diego Abatantuono, l’attore che ha dato la voce al capitano Crow nel film d’animazione Il mostro dei mari disponibile da domani su Netflix.

Il Capitano Crow, il personaggio doppiato dall’attore milanese, è un uomo di mare che combatte la sua guerra contro i mostri, una guerra che diventa anche sua personale.

Un personaggio, secondo Abatantuono, in cui è facile rivedere la figura del capitano Achab di Moby Dick. “Achab è metafora di tante cose nella vita, come l’ossessione di una missione… Oggi sarebbe bello diventare gli Achab della difesa dell’ambiente”, ha detto l’attore all’Ansa.

Abatantuono: “È tempo di agire sul clima”

La presentazione della versione italiana del film Il mostro dei mari di Chris Williams è stata anche l’occasione per parlare di ambiente, clima e attualità.

“Bisogna agire sul clima, non è più tempo di parlare e uno dei punti dai quali partire è l’acqua”, ha detto Abatantuono. “Una tragedia come quella della Marmolada spero possa portare di più le persone a comprendere che bisogna evitare che si arrivi a un disastro planetario. I prossimi saranno anni fatti di desalinizzatori, di raccolta delle pioggia e di aggiustamenti della rete idrica”

Il film Il mostro dei mari, secondo l’attore, “riflette quanto sia importante portare ai bambini storie di valore, realizzate come in questo caso con una grande ricerca grafica. Vanno abituati fin da piccoli alla qualità e al bello”.

Articolo precedente“Parchi del Lazio, l’estate è qui”, 800 attività alla riscoperta dalla natura
Articolo successivoProdotti Ogm, il Friuli-Venezia Giulia vince contro il ricorso di un contadino