Cultura

TORNA “A FIANCO DEL CORAGGIO”. STORIE DI VITA E MALATTIA ATTRAVERSO GLI OCCHI DEGLI UOMINI

Condividi

Torna “A fianco del coraggio”. Al via la seconda edizione del Premio #afiancodelcoraggio. Il concorso letterario lanciato dalla casa farmaceutica Roche per raccontare le storie di uomini che ogni giorno affiancano e sostengono donne che coraggiosamente lottano contro la malattia.

#afiancodelcoraggio è un progetto finalizzato a sensibilizzare la società ad un approccio diverso alle patologie ed aiutare le donne a sentirsi meno sole. Il progetto ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica, come conferma della più alta condivisione dello spirito della manifestazione e dell’attenzione verso quest’iniziativa.

La seconda edizione dell’iniziativa è stata dedicata alla sclerosi multipla. Una patologia invalidante che colpisce 114.000 persone in Italia, in prevalenza donne e più frequentemente giovani tra i 20 e 40 anni.

Vincitore della prima edizione, la storia di Fabio Glionna. La sua storia, una partita di tennis giocata dalla compagna come metafora della malattia, è diventata uno spot. Girato dalla regista Maria Sole Tognazzi e doppiato dal fratello Gianmarco, il video, presentato in anteprima durante la serata a Castel Sant’Angelo, è stato distribuito nei circuiti cinematografici nazionali partner dell’iniziativa e sulle reti tematiche Mediaset.

(Visited 643 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago