Vino. Firmato dal Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, il Decreto sulle Linee guida e indirizzi in merito ai requisiti e agli standard minimi di qualità per l’esercizio dell’attività enoturistica.

“Abbiamo trovato l’intesa con le Regioni, un’intesa costruita con il supporto di tutti i rappresentanti della filiera – ha commentato il Ministro Centinaio – è un grande successo utile a dare fiducia al settore, fortemente strategico per l’economia del nostro Paese. Raccontiamo finalmente i territori e le sue eccellenze. Un passo avanti importante, atteso, necessario per regolamentare il settore e promuovere il rapporto tra territorio, prodotti agroalimentari e turismo, soprattutto nelle aree interne e nelle zone a forte vocazione vitivinicola“.

“L’enoturismo – ha spiegato poi Centinaio – è un esempio perfetto di sistema dove alla base c’è l’azienda che lega il territorio attraverso forme di turismo esperienziale e produzioni agroalimentari, dove gusto, storia e bellezza si fondono all’espressione di un territorio, l’agroalimentare e il vino raccontano la storia un territorio e il nostro compito è farla conoscere: la conoscenza è valore”.

Per il ministro delle Politiche Agricole “attraverso questo Decreto, le aziende vitivinicole regolamenteranno le loro attività di accoglienza, di divulgazione e degustazione, proponendo particolari percorsi esperienziali e turistici incentivando il mercato dei viaggi, delle vacanze e del turismo.  Oggi si apre una nuova stagione, nuove opportunità per il comparto anche in termini di valorizzazione del territorio e occasioni di crescita per tutta la filiera, ma anche occasioni di conoscenza per chi sarà fruitore dell’enoturismo”.

Soddisfazione per l’adozione del provvedimento è stata espressa anche dal Presidente della Commissione Agricoltura della Camera, Filippo Gallinella, per il quale “il decreto sull’attività enoturistica da’ concretezza al settore e valorizza le produzioni italiane, grazie al loro inserimento nell’attività turistica”.

Con il decreto – osserva Gallinella – “si da’ attuazione e concretezza alla norma della Legge di bilancio per il 2018, che aveva definito e disciplinato per la prima volta nel nostro ordinamento l’enoturismo, cioè tutte quelle attività di conoscenza e promozione del vino, che vanno dalle visite alle cantine alle degustazioni e alle iniziative didattiche e ricreative svolte nelle cantine, cui grazie a questa disposizione sono attribuiti gli stessi vantaggi fiscali degli agriturismo”.

Gallinella rileva inoltre che “l’elaborazione del decreto è stata indubbiamente articolata e lo si attendeva da tempo, per questo è un bene la sua formalizzazione prima dell’apertura del Vinitaly: sarà, quella, una buona occasione per constatarne l’impatto sugli operatori e l’apprezzamento per questo nuovo strumento di valorizzazione delle nostre produzioni, anche grazie al loro inserimento nell’attività turistica”.

L’importanza del decreto – conclude Gallinella – è data principalmente dal fatto che contiene la declinazione degli standard minimi di qualità per l’esercizio dell’enoturismo: si tratta di requisiti tutti incentrati sulle nostre eccellenze territoriali”.

Articolo precedenteNatura 2000, Costa firma l’istituzione di altre 119 Zone di speciale conservazione in Emilia Romagna
Articolo successivoFestival “Italia terra di agrumi” a Roma dal 15 al 30 marzo