Europa, salute, ambiente: l’Uisp presenta il progetto “Sport per tutti”

“Oggi per Uisp è una giornata importante, questo progetto è sostenuto dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali”, Tiziano Pesce, presidente nazionale Uisp Aps.

“Sport per tutti”. L’Uisp, associazione di promozione sociale, presenta il suo nuovo progetto nazionale che punta su una rete di collaborazioni per sostenere l’accessibilità all’attività sportiva e per riconoscere allo sport un ruolo fondamentale nella rinascita
socioeconomica post Covid-19.

Presente alla conferenza il ministro Orlando che ha ribadito come debba essere garantita l’accessibilità allo sport, non solo economica, a tutti i cittadini, superando i limiti sociali che ancora oggi impediscono a una fascia di popolazione di praticare attività sportiva.

Andrea Orlando, ministro Lavoro e Politiche Sociali, a TeleAmbiente: “Credo che durante il periodo più acuto della pandemia ci siamo resi conto di che cosa significa dover rinunciare all’attività fisica, temo che questo sarà anche verificato nelle conseguenze di quello stop nel tempo, sia dal punto di vista psicologico sia dal punto di vista della salute. Ormai è consapevolezza comune il fatto che lo sport sia uno strumento attraverso il quale produrre riscatto, creare pari opportunità, realizzare forme di eguaglianza sostanziale, non è soltanto una cosa che fa bene al fisico è una cosa che fa bene alla società e alla  garanzia del consolidamento dei suoi diritti fondamentali. Questa idea è iniziata a diventare parte integrante delle politiche europee e questo progetto è la dimostrazione di questo”.

Il progetto sarà realizzato in 15 regioni italiane e si basa su 5 strumenti: dei living lab regionali, degli animatori sportivi
territoriali, vaucher per praticare sport, iniziative per sostenere
la rigenerazione urbana sostenibile e tre piani esecutivi da
realizzare in impianti sportivi a Roma, Bologna e Bari.

Tiziano Pesce, Presidente nazionale Uisp: “Oggi per Uisp è una giornata importante, questo progetto è sostenuto dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e contemporaneamente presentiamo il parere di iniziativa del CESE. Due percorsi che si intrecciano e che mettono in evidenza quale sia l’importanza del ruolo dello sport soprattutto in un periodo come questo di ripresa nel post pandemia e per contrastare le disuguaglianze sempre crescenti. Alla crisi del Covid sono seguite la crisi bellica, quella energetica, le emergenze ambientali. Crediamo che lo sport sia uno strumento fondamentale per riattivare le comunità, per sostenere la coesione dei nostri territori e ovviamente per continuare a rivendicare il valore sociale dello sport.

Previous articleIncendi a Roma, Fratoianni: “Ai vigili del fuoco mancano uomini e mezzi”
Next articleUna schiuma bianca, densa e maleodorante ha invaso le strade di una città in Colombia