Politica

SINDACATI IN SCIOPERO. ALLARME ROSSO SULLE CONDIZIONI DEGLI ENTI LOCALI

Condividi

Sindacati in sciopero. Sciopero di 24 ore per i lavoratori e le lavoratrici di Province e Città Metropolitane.

“La mobilitazione – spiegano i sindacati – è stata indetta a livello nazionale con l’obiettivo di lanciare l’allarme rosso sulle condizioni degli enti locali. Mancano le risorse economiche per mantenere i servizi. Il dissesto economico degli enti locali minaccia i servizi fondamentali alla cittadinanza, il posto di lavoro dei dipendenti e anche le buste paga”.

I sindacati citano il caso emblematico della Città Metropolitana di Milano, con gli oltre 30 precari, addetti ai servizi ambientali e stradali, a casa da inizio ottobre per via di un bilancio 2017 non ancora approvato. Per Cgil, Cisl e Uil “non si può andare avanti così. Servono risorse economiche e umane se si vuole continuare a garantire quanto finora hanno garantito le Province. I tagli sono una perdita per i lavoratori ma anche per i cittadini”.

Intanto lavoratrici e lavoratori hanno interrotto l’occupazione di Palazzo Isimbardi: il sindaco metropolitano Giuseppe Sala, incontrando i sindacati, si è detto abbastanza ottimista, mentre i tecnici della Città metropolitana sono al lavoro per capire attraverso qua i risparmi reperire le risorse mancanti.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago