Politica

STEFANO FASSINA A TELEAMBIENTE. “SULLA CATALOGNA PREVALGANO DEMOCRAZIA E DIALOGO”

Condividi

Di Mariaelena Leggieri. Stefano Fassina, Sinistra Italiana. Oggi nostro ospite negli studi di Teleambiente per la rassegna stampa quotidiana Stefano Fassina, deputato di Sinistra Italiana e consigliere comunale a Roma. E’ intervenuto sui temi più importanti del giorno parlando insieme al conduttore Antonio Creti, dapprima sulla Catologna e la sua richiesta di indipendenza: “Fino adesso c’è stato un fallimento della politica. Deve intervenire l’Europa prima che la situazione precipiti. Il discorso del Re Filippo VI non mi è piaciuto perché non ha speso una parola sulla decina di catalani feriti , come le immagini che hanno girato il mondo hanno mostrato. Dico anche però che c’è una Costituzione che va rispettata, e che quindi adesso ci deve esser assolutamente un tavolo di mediazione  e trattativa”.

Intervenendo sullo Ius Soli: “ Io penso che sia una legge che potrebbe nobilitare l’intera legislatura. E soprattutto per far questo dobbiamo impegnarci contro chi soffia sul fuoco perché questa legge non è l’autorizzazione a tutti gli emigranti a sbarcare in Italia, come certa stampa va dicendo, ma è semplicemente una legge di democrazia e di progresso che riconosce ad un ragazzo nato in Italia diritti e doveri attraverso tutto un filtro di disposizioni che la legge prevede per poter essere a tutti gli effetti cittadino italiano”. Alla ribattuta del conduttore secondo il quale i sondaggi attestano che la maggioranza degli italiani è contraria a questa legge, Fassina ha replicato: “ Diciamo che siamo metà e metà. Per questo, la politica deve intervenire raccontando esattamente le cose come stanno, smascherando chi getta solo paura e preoccupazione”.

All’intervista dell’onorevole Giorgia Meloni  che se la prendeva con una certa sinistra radical-chic, che farebbe salotto sull’arresto del terrorista Cesare Battisti, l’esponente di Sinistra Italiana ha replicato: “Non so chi siano questi esponenti di sinistra radical-chic. Certamente non si riferisce a me. Dico soltanto che sull’arresto di Cesare Battisti la Meloni ha perfettamente ragione. E’ un criminale passato ingiudicato con quattro condanne. Va estradato in Italia dove deve scontare la sua pena”.

Fassina è anche intervenuto sulle vicende segnalate dal quotidiano della Confindustria, il Sole24 ore, sulle preoccupazioni delle nuove regole dalla BCE, su i non performing loans che, secondo Fassina, economista laureato alla Bocconi, penalizzerebbero le banche, il credito e le aziende che li hanno contratti, e che quindi vanno contrastati in ogni modo dalla Banca d’Italia.

Infine, è intervenuto sull’approvazione del DEF affermando che si tratta di una legge che non aiuta lo sviluppo, penalizza i più deboli, peggiora la sanità e, soprattutto, non spende una parola sul dramma di tante famiglie e di tanti lavoratori colpiti dalla legge Fornero.

Sulla riforma di legge elettorale, Rosatellum –bis, ha semplicemente commentato:“E’ una vergogna. Fatta apposta per colpire il M5S e la Sinistra”.

Ultima battuta sul duello Pisapia – D’Alema: “C’è molta costruzione mediatica. La vicenda regala titoloni da prima pagina ad effetto. Credo francamente che ai lavoratori in cassa integrazione questa storia interessi poco. Interessa, invece, una sinistra capace finalmente di fare la Sinistra”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago