Roma e Dintorni

Mobilità sostenibile, parte il piano decennale di Roma

Condividi

Approvata la delibera relativa al nuovo piano strategico per la mobilità sostenibile di lungo periodo (10 anni) per Roma; sono diverse le soluzioni che il nuovo PUMS (Piano Urbano Mobilità Sostenibile) tocca dai tram alle linee metropolitane, fino a percorsi ciclabili ed isole ambientali. Obiettivo è quello di migliorare il trasporto pubblico e la qualità di vita di cittadini e turisti.

Tra i vari progetti che verranno realizzati un occhio di riguardo è stato dedicato all’ammodernamento delle infrastrutture ferroviarie e della metropolitana, infatti verranno ristrutturate le linee A e B della metro, verrà ammodernata la ferrovia Roma-Giardinetti, verrà creato un collegamento tra la metro A e C a Tor Vergata e verranno realizzate anche nuove linee tranviarie: una linea passerà da Via dei Fori Imperiali fino a Piazza Vittorio, mentre un’altra linea collegherà la stazione di Roma Tiburtina con Piazzale del Verano, infine vi sarà una linea tra Auditorium e Piazza Risorgimento.

MetrArt, una nuova linea metropolitana a Roma “fatta ad arte”

Verranno anche realizzate delle funivie: Battistini-Casalotti, Magliana-Piazza Civiltà del Lavoro, Jonio-Bufalotta (su rotaie). Inoltre aumenterà il numero di autobus: ne saranno aggiunti gradualmente 227, di cui 80 già in servizio.

Metro A Roma, chiusa a zone alterne per lavori. Info e orari

Soddisfazione è stata espressa anche dalla sindaca di Roma,  Virginia Raggi: “Roma si dota finalmente di una vera programmazione sulla mobilità, una strategia futura di medio e lungo periodo che risponde a una visione precisa di quello che vogliamo per la Capitale. Il piano è stato pensato mettendo al centro le esigenze di mobilità delle persone e delle imprese, perché la nostra città può e deve offrire una migliore qualità della vita a chi la abita e la vive ogni giorno. Le politiche e le misure definite nel Pums coprono tutte le tipologie di trasporto, sia pubblico sia privato, su tutto il territorio”.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago