Attualità

Mobilità Sostenibile, conclusa la ‘mille miglia’ da Roma a Venezia in auto elettrica

Condividi

Mobilità sostenibile. Da Roma a Venezia in tre tappe, passando per Firenze e Milano, a bordo di due Volkswagen e-Golf a trazione elettrica.

Si è conclusa la ‘mille miglia’ in auto elettrica affrontata da Leaseplan, leader mondiale del noleggio a lungo termine, condotta assieme ai partner Volkswagen e Repower, e guidata da Mario Tedeschini, giornalista del sito vaielettrico.it ed ex direttore di Quattroruote.

Una dimostrazione pratica, ma soprattutto silenziosa e sostenibile, per spazzar via quell’alone di scetticismo che ancora oggi circonda il mondo della mobilità elettrica privata.

“E’ vero che in montagna l’elettrico consuma molto – spiega Tedeschini per sfatare solo uno degli argomenti cui ricorrono i detrattori dell’emissione zero – però è tutta energia che si recupera in discesa. Quindi si tratta di programmare i percorsi con un po’ di attenzione, gli Appennini per noi non sono affatto stati un problema”.

Mobilità sostenibile, Costa: “500 milioni di euro per piste ciclabili e ciclovie”

Visionate, su una mappa aggiornata, le posizioni delle colonnine di ricarica lungo la strada – aggiunge il giornalista – “ogni possessore di automobile elettrica potrebbe compiere una ‘mille miglia’ come la nostra in perfetta tranquillità. Il tempo di fermarsi per pranzare e anche le batterie della vettura saranno pronte a riprendere il viaggio”.

La nuova sfida del team è ora quella di portare le e-Golf sulle strade del Mezzogiorno.

“Non c’è dubbio sul fatto che la penetrazione della rete di ricarica al Sud sia ancora arretrata – prosegue Mario Tedeschini – ma i paesaggi, il sole e il vento del Meridione non possono non far pensare alle energie rinnovabili. Credo proprio che la prossima avventura sarà a quelle latitudini”.

Treno Verde 2019, 12 tappe per incentivare la mobilità sostenibile e ridurre l’inquinamento

Tedeschini manda poi un messaggio agli scettici: “dovrebbero fare una prova ed apprezzare il silenzio unito all’accelerazione che questi motori sanno esprimere. A meno di non essere irresistibilmente attratti dai rombi delle grosse cilindrate una volta sperimentato l’elettrico non lo si lascia più”.

(Visited 82 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago