Breaking News

Treno Verde 2019, 12 tappe per incentivare la mobilità sostenibile e ridurre l’inquinamento

Condividi

Treno Verde. Dodici tappe, da Palermo a Milano, per incentivare la mobilità sostenibile e ridurre l’inquinamento.

È l’obiettivo del viaggio del Treno Verde, la campagna di Legambiente e del gruppo Ferrovie dello Stato italiane con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, giunta alla 31esima  edizione.

“Abbiamo un’occasione unica per costruire concretamente l’uscita dalla mobilità inquinante, contrastare i cambiamenti climatici, ridurre l’inquinamento locale e rendere più vivibili le nostre città – ha sottolineato il presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani – ma servono scelte coraggiose e di sistema che fino ad oggi sono mancate”.

“La mobilità a emissioni zero è il futuro cui guardiamo” – ha detto il ministro dell’ambiente Sergio Costa presentando l’iniziativa.

Per il Ministro dell’Ambiente è necessario, “da un lato risolvere il tema della qualità dell’aria e su questo sto firmando accordi di programma con varie regioni. Dall’altra bisogna favorire un pendolarismo a emissioni zero, in modo che ci siano sempre più persone che si muovono su treni. C’e’ ancora tanto da fare”.

Il convoglio ambientalista partirà da Palermo il 18 febbraio, per arrivare a Milano il 5 aprile.

In ogni tappa, FS e Legambiente ospiteranno a bordo del treno, le più innovative idee in tema di mobilità sostenibile e intermodalità, oltre alle migliori esperienze italiane sul fronte della sostenibilità ambientale.

“La sostenibilità ambientale, sociale ed economica è valore fondamentale per i nostri processi industriali e proietta il Gruppo verso un futuro più green e più attento allo sviluppo sostenibile delle città e delle grandi aree urbane del Paese” – ha affermato in una nota l’a.d. di Fs, Gianfranco Battisti.

“È indispensabile e importante – ha aggiunto – creare la cultura della sostenibilità e metterla al centro dei progetti industriali: è infatti un pilastro del Piano industriale che stiamo elaborando. Insieme al treno, mezzo ecologico per eccellenza, lavoriamo anche per rendere le stazioni veri e propri hub della mobilità integrata“.

Nel 2018, ha poi ricordato Legambiente, l’Italia è stata deferita alla Corte di giustizia europea per la qualità dell’aria: in ben 26 capoluoghi di provincia è stato superato il limite dei 35 giorni previsto per le polveri sottili, con la conseguenza diretta, per i cittadini, di aver dovuto respirare aria inquinata per circa due mesi nell’anno.

Italia deferita alla Corte di Giustizia Ue per Xylella, Smog e Rifiuti Radioattivi

Non va meglio nel 2019.

Nei primi 40 giorni di questo nuovo anno, già 22 città hanno “consumato” la metà dei 35 giorni oltre i limiti previsti dalla normativa vigente.

Sul Treno, cittadini e studenti potranno visitare la mostra didattica e interattiva, allestita all’interno delle quattro carrozze, che permetterà di toccare con mano le sfide che abbiamo di fronte per segnare la fine dell’era delle fonti fossili e per dare una risposta efficace alla drammaticità dei mutamenti climatici.

 

Ecco le tappe del tour:
Palermo (dal 18 al 20 febbraio);

Bari (dal 22 al 24 febbraio);

Napoli Centrale (dal 26 al 28 febbraio);

Roma Termini (dal 2 al 4 marzo);

Pescara (dal 6 all’8 marzo);

Arezzo (dal 10 al 12 marzo);

Civitanova Marche (dal 14 al 16 marzo);

Rimini (dal 18 al 20 marzo);

Padova (dal 22 al 24 marzo);

Genova Piazza Principe (dal 26 al 28 marzo);

Torino
Porta Nuova (dal 30 marzo al 1 aprile)

Milano Porta Garibaldi (dal 3 al 5 aprile)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago