Inquinamento

Inquinamento, la Germania presenta il suo piano per ridurre le emissioni entro il 2030

Condividi

La Germania ha finalmente presentato il suo piano per ridurre le emissioni entro il 2030, in linea con i progetti della Commissione Europea che vuole dimezzare le emissioni entro la fine del decennio e azzerarle entro il 2050.

Con sei mesi di ritardo, la Germania ha presentato nella giornata di ieri il suo piano decennale per il clima e l’energia all’Unione Europea, dando il tanto atteso supporto alla volontà della Commissione Europea di creare degli obiettivi sulle emissioni più severi per tutto il blocco, da raggiungere entro il 2030. L’unico paese a non aver ancora presentato un piano è l’Irlanda.

Commissione Europea, 3 miliardi di alberi entro il 2030 per combattere la crisi della biodiversità

La volontà della Commissione è di presentare degli obiettivi più ambiziosi per il 2030 a settembre, con l’obiettivo di mettere tutti in paesi dell’Unione Europea sulla percorso per azzerare le emissioni entro il 2050. La Commissione probabilmente presenterà un piano per ridurre le emissioni del 55% ma dovrà concordare l’obiettivo con i vari stati membri.

Zero emissioni al 2050, la Commissione Ue presenta la Climate Law

Al momento le strategie possibili sono due: o un piano generale per ridurre le emissioni del 50-55%, oppure valutare singolarmente i piani presentati da ogni stato, al fine di decidere quale delle due opzioni sia più fattibile. Jytte Guteland, deputato svedese che porterà l’argomento al Parlamento Europeo, vuole portare il taglio delle emissioni al 65% entro il 2030 mentre paesi come la Repubblica Ceca sostengono che anche l’obiettivo attuale, che prevede un taglio del 40% entro il 2030, non sia raggiungibile.

StopGlobalWarming.eu, una mobilitazione europea per tassare emissioni Co2

Il piano della Germania prevede sia l’obiettivo di ridurre del 55% le emissioni entro il 2030 che le misure necessarie per raggiungerlo. Tuttavia è già stato messo in dubbio da più parti, tra cui uno studio di Prognos, commissionato dal ministero delle finanze tedesco.

 

(Visited 127 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago